[Comunicato stampa Giunta regionale Puglia]
DEPURATORE DI SAVA: DAL GOVERNO REGIONALE L’IMPEGNO A RISOLVERE PRESTO LA SITUAZIONE NON ESSENDO PIU’ TOLLERABILI I DISSERVIZI PER I CITTADINI

giovedì 13 dicembre 2018


Un comunicato dell'Assessore allo Sviluppo Economico, Mino Borraccino:

"Ho partecipato, questo pomeriggio, alla tavola rotonda promossa dal Sindaco del Comune di Sava, Dario Iaia, e finalizzata confrontare le posizioni dei diversi rappresentanti istituzionali del territorio sul tema del depuratore consortile di Sava/Manduria e delle delicate condizioni ambientali in cui versa tutta l’area.

I lavori di costruzione del nuovo depuratore riprenderanno a gennaio prossimo. Questa è la prima notizia. 

Si tratta di una problematica che va avanti da molto tempo, largamente avvertita dalle comunità locali e che sconta significativi ritardi soprattutto a causa delle incertezze degli anni scorsi in ordine alla migliore soluzione tecnica e progettuale da adottare.

Ho ribadito nel corso dell’incontro di oggi la ferma volontà del Governo regionale di dotare i tanti cittadini di questo territorio e di tutta la zona rivierasca di Manduria, oltre ai turisti che si riversano sulla costa soprattutto durante l’estate, di servizi assolutamente indispensabili e non più rinviabili, non essendo più tollerabile la situazione attuale che vede la mancata raccolta dei reflui nell’area urbana di Sava e l’obsoleto impianto depurativo di Manduria con scarico dei rifiuti nel sottosuolo.

La seconda notizia è che la Regione ha individuato, nei mesi scorsi, come soluzione quella di porre in essere un sistema integrato di riuso agricolo e ambientale dei reflui trattati dal depuratore da realizzare in contrada “Urmo” di Manduria unitamente alle trincee drenanti.

Non ci sarà più, quindi, la condotta a mare ma si procederà alla raccolta e al riuso delle acque per usi agricoli e civili, evitando gli sprechi e gli inquinamenti, e preservando la risorsa idrica presente nel sottosuolo. Inoltre ci sarà  anche un sistema di trincee drenanti che assolveranno al compito di allocazione dei reflui depurati insieme al riuso a fini irrigui. 

La Regione, dopo una lunga fase di ascolto, condotta in prima persona dal Presidente Emiliano, oltre che dall'Assessore regionale ai Lavori Pubblici, Giannini, si attiva rispetto alle giuste istanze delle istituzioni locali e dei cittadini  e l’occasione di oggi, fornita dalla convocazione giunta dal sindaco di Sava, ha rappresentato un momento utile di confronto sulle modalità concrete di realizzazione di questo intervento.

Il territorio attende delle risposte e spetta a noi non deludere le giuste aspettative dei cittadini". (Com.)