+T -T

[Comunicato stampa Giunta regionale Veneto]
PORTALE WEB PER LEGGERE IL BILANCIO DELLA REGIONE: VICEPRESIDENTE FORCOLIN, “IN 4 ANNI RIDOTTO IL DISAVANZO DI QUASI 1 MLD, SENZA AUMENTARE LA PRESSIONE FISCALE”

venerdì 14 dicembre 2018

(AVN) – Venezia,  14 dicembre 2018

Far capire il bilancio della Regione al cittadino: è l’obiettivo che si pone Rendiconto Web, il portale predisposto dalla Regione (https://rendiconto.regione.veneto.it/web/anno-2017) per dare un’informazione dettagliata sui risultati finanziari, economici e patrimoniali conseguiti nell'esercizio, resi leggibili grazie a una rappresentazione grafica e una divisione delle voci di bilancio comprensibile, al fine di garantire la maggiore trasparenza possibile.

Il vicepresidente e assessore al bilancio Gianluca Forcolin segnala la pubblicazione sul portale del rendiconto 2017 semplificato per il cittadino: “È possibile comprendere l'importante e costante impegno da parte di tutta l'amministrazione regionale – sottolinea Forcolin - finalizzato a ridurre sensibilmente il disavanzo da debito autorizzato e non contratto. Sulla base delle risultanze derivanti dal Rendiconto Generale dell'esercizio finanziario 2017, l'ammontare del disavanzo è infatti pari a 1.059.223.371,63 euro, con una riduzione su base annua di 276.194.059,53 euro. Il miglioramento totale del disavanzo dal 2014 al 2017 è più di 937 milioni di euro”.

“Questo risultato – prosegue Forcolin – è stato raggiunto senza aumentare, neppure nel 2017, la pressione fiscale e senza intaccare la qualità dei servizi. Se consideriamo che le amministrazioni regionali si trovano ad operare in un quadro di estrema difficoltà, con rigide regole di finanza pubblica, possiamo ben dire che si tratta di un risultato eccezionale”.

“Del resto – conclude – anche la Sezione di Controllo per il Veneto della Corte dei Conti, nella relazione con cui ha parificato il rendiconto generale della Regione per l’esercizio finanziario 2017, ha certificato che abbiamo gestito correttamente e oculatamente il bilancio. Questa promozione non ci sorprende, perché il Veneto continua a dimostrare con i fatti di essere una delle Regioni più virtuose d’Italia, che merita la maggiore autonomia che i suoi cittadini hanno chiesto con tanto di referendum”.