Umbria: il Tesoro dà i numeri

lunedì 11 luglio 2005


Umbria: il Tesoro dà i numeri

(regioni.it) Il debito reale dell' ente Regione Umbria e' pari a 360 milioni 500 mila euro, e l' indebitamento della regione intesa come entita' territoriale (Comuni, Province, Comunita' montane) e' di 580 milioni e 200 mila euro. 

La Direzione regionale delle risorse finanziarie della Regione Umbria ha fornito i dati sulla reale situazione dell'indebitamento regionale, rettificando quelli forniti alla Commissione bilancio della Camera dal direttore generale per il debito pubblico del ministero dell' economia, Maria Cannata (cfr. regioni.it n.556) , che parlavano di un totale del debito regionale pari a tre miliardi e 692 milioni di euro, ottenuto calcolando anche i costi della ricostruzione post-sisma del 1997 che sono invece a totale carico dello Stato.

I dati forniti - e' detto in una nota della Regione -  prendono a riferimento la regione come entita' geografica e quindi il totale di emissioni e mutui contratti oltre che dalla Regione come ente, anche da Province e Comuni. Il debito residuo della Regione Umbria alla data del 30 giugno 2005 e' comprensivo delle emissioni e dei mutui, a totale carico dello Stato accesi per finanziare gli interventi di ricostruzione post-terremoto 1997 le cui rate di ammortamento, in virtu' di delegazioni di pagamento, sono pagate direttamente dal ministero e non transitano nel bilancio regionale. Tale debito ammonta a tre miliardi, 112 milioni e quattro mila euro e rappresenta circa il 90 per cento del totale regionale. Si tratta di operazioni finanziarie attivate dalla Regione in virtu' delle autorizzazioni disposte dalla legge ''61/'98'' e successivamente rifinanziata con successive leggi e che non puo' considerarsi debito regionale.

''Per l' ennesima volta - ha detto l' assessore regionale al bilancio, Vincenzo Riommi - il ministero del tesoro fa confusione e fornisce dati impropri e sbagliati. Infatti, tolti i tre miliardi e 112 milioni di euro per la ricostruzione, a totale carico dello Stato, la Regione Umbria, con i suoi 360 milioni e 500 mila euro di debito proprio si classifica, in termini assoluti, fra le regioni italiane con livello piu' basso di indebitamento. Porremo formalmente a conoscenza della Commissione bilancio della Camera - ha concluso Riommi - la situazione reale dell' Umbria perche' tragga le debite conseguenze sulle dichiarazioni del direttore generale per il debito pubblico del ministero dell' economia''.

(red)

 

N. 557 - 08 Luglio 2005