UE: strategie economiche

martedì 19 luglio 2005


(regioni.it) Il sito del Dipartimento politiche per lo sviluppo del Ministero dell’Economia ha pubblicato un dossier sul processo di definizione del Quadro Strategico Nazionale (QSN) 2007-2013.

Disponibili on line anche le relazioni svolte durante i seminari del 7 e dell'11 luglio sui temi dell'Istruzione e della Ricerca (cfr. Documentazione di riferimento e Seminari tematici )

La proposta di Regolamento generale sulla politica di coesione comunitaria per il periodo 2007-2013 prevede un approccio programmatico strategico e un raccordo organico della politica di coesione con le strategie nazionali degli Stati membri. A tal fine, l'Italia dovrà presentare all'Unione Europea un Quadro Strategico Nazionale (QSN) con l'obiettivo di indirizzare le risorse che la politica di coesione destinerà al nostro Paese, sia nelle aree del Mezzogiorno sia in quelle del Centro-Nord. Per la definizione del percorso di costruzione del QSN si sono concordate delle Linee guida, approvate dall'intesa Stato-Regioni-Enti locali del 3 febbraio 2005. Esse stabiliscono, fra l'altro, che la costruzione del QSN è l'occasione per consolidare e completare l'unificazione della programmazione delle politiche regionali comunitaria e nazionale e per realizzare un più forte raccordo di queste con le politiche nazionali ordinarie. Il percorso definito dalle Linee guida si articola in tre fasi: estrapolazione e visione strategica delle Regioni e del Centro; confronto strategico tra Centro e Regioni; stesura del QSN. In tutte le fasi – secondo quanto riportato sul sito del Dipartimento - è previsto un dialogo e un confronto con il partenariato economico–sociale e con le rappresentanze degli Enti locali. Il percorso complessivo prevede una forte attenzione alla diagnosi, alla valutazione e al confronto sui contenuti. Nella prima fase (che si concluderà entro l'estate 2005), ciascuna Regione e Provincia autonoma e il complesso delle Amministrazioni Centrali devono predisporre un proprio Documento strategico preliminare in modo da realizzare nelle fasi successive un confronto che possa entrare nel merito delle proposte. Nel caso Mezzogiorno, nella prima fase le Regioni sono impegnate a realizzare i propri Documenti Strategici preliminari (DSR) in modo coordinato e con il Dipartimento per le Politiche di Sviluppo e Coesione del Ministero dell'Economia, al fine anche di elaborare, contestualmente, un documento comune denominato Linee per un nuovo Programma Mezzogiorno (DSM). All'interno di questo percorso – si legge ancora sul sito del Dipartimento - sono previsti alcuni seminari tematici di riflessione che coinvolgono tutti gli attori impegnati in specifici ambiti di policy, studiosi e operatori. La seconda fase (fino al dicembre 2005) è dedicata alla discussione e al confronto sulle opzioni strategiche. La terza (gennaio – marzo 2006) è dedicata alla predisposizione del QSN.

(red)