Pubblica amministrazione "a banda larga"

mercoledì 7 settembre 2005


Pubblica amministrazione "a banda larga"

(regioni.it) La “banda larga” è ormai diventata comune nel nostro paese e l’utilizzo delle autostrade digitali pone il nostro Paese ai primi posti in Europa.

5,6 milioni di accessi alla fine di giugno 2005, contro i 300 mila di fine 2001 e il fatturato previsto raggiunge quota 1,8 miliardi di €.

Sono questi alcuni dei dati che emergono dalle rilevazioni dell’Osservatorio Banda Larga*, promosso nel 2002 da Lucio Stanca, Ministro per l’Innovazione e le Tecnologie, con Between. Nel primo semestre 2005 circa il 20 per cento delle famiglie, il 37 per cento delle imprese e il 61 per cento della pubblica amministrazione avevano la disponibilità di accessi a banda larga.

Secondo Francoise de Brabant, amministratore delegato di Between, l’azienda supporto operativo dell’Oseervatorio, ha affermato che “la copertura Adsl della popolazione è passata da meno del 60% del 2001 all’86% di fine 2004”.

La Pubblica Amministrazione ha fatto la sua parte e, sempre secondo l’Osservatorio Banda Larga, il 61% delle istituzioni sono collegate a Internet a banda larga. Nel dettaglio, tale valore va dal 52% dei Comuni al 73% delle scuole, fino all’85% delle strutture sanitarie. Allo stesso tempo sono presenti in rete con un proprio sito, rispettivamente, il 68% dei Comuni, il 67% delle scuole e il 78% delle strutture sanitarie, con uno sforzo significativo per sviluppare nuove forme di interazione.

(red/06.09.05)

 

 N. 577 - 06 Settembre 2005