Regione: bilancio; Zaia, non c'e' alcuna distrazione

giovedì 20 febbraio 2014



ZCZC4489/SXR
OVE93605
R REG S41 QBXV

(ANSA) - VENEZIA, 20 FEB - ''Le osservazioni della
Commissione sanita' sono corrette, le preoccupazioni del
presidente Padrin anche, ma non c'e' alcuna distrazione da parte
nostra: prima di mettere soldi, inserendoli in bilancio, per me
e' meglio chiederli a Roma. Se lo facessimo, trattare con il
Governo avendo gia' previsto lo stanziamento non ci aiuterebbe e
ci farebbe partire con il freno a mano tirato''. Cosi' il
presidente del Veneto, Luca Zaia, ha risposto alla Commissione
sanita' del Consiglio regionale, che ha bocciato il bilancio per
la mancata previsione della copertura dei costi per la
realizzazione del nuovo ospedale di Padova.
''Il bilancio - ha aggiunto - e' stato presentato e firmato:
se qualcosa non funziona, saranno i tecnici a rispondere. Ma a
me risulta che il segretario generale della Sanita' abbia
confermato che va tutto bene...''.
''Da anni - ha ripreso Zaia - lo Stato non finanzia piu'
l'articolo 20, per il quale siamo in graduatoria. In questa
fase, dunque, non si tratta di un problema di soldi regionali:
le preoccupazioni lasciamole a Roma, che deve assumersi
l'impegno di restituirci i nostri soldi, con un buco di 650
milioni che deve essere sanato dal Governo. L'ultima volta che
sono stato a Roma a chiedere veramente soldi, sono tornato
portando a casa 360 milioni: vuol dire che tornero'''.
L'ospedale, dunque, assicura Zaia, si fara'. ''Assolutamente
si': col project financing e con gran parte di fondi propri: piu'
saranno le risorse che ci dara' il Governo, meno dovremo
ricorrere a risorse private. Il progetto e' gia' stato affidato
alla stazione appaltante, che dovra' ottenere la dichiarazione di
pubblica utilita' entro giugno. Se sara' cosi', si puo' mettere in
gara la realizzazione per l'autunno e arrivare poi all'effettiva
realizzazione in quattro anni''. (ANSA)

YWQ-GM
20-FEB-14 15:18 NNN