Spending review: Zaia, no a tagli sanita' Veneto o sara' rivolta

giovedì 11 settembre 2014



ZCZC
AGI0176 3 CRO 0 R01 /


(AGI) - Venezia, 11 set. - Il governo non deve tagliare la spesa
sanitaria per il Veneto perche' nella Regione si e' gia'ý risparmiato
tutto cio' che si poteva risparmiare e nuove sforbiciate andrebbero a
colpire l'assistenza ai cittadini. A sostenerlo e' il presidente del
Veneto, Luca Zaia, che, commentando l'ipotesi di nuovi tagli da 3
miliardi alla sanita' nazionale, invita l'esecutivo a "pensarci bene,
prima che possa mettersi in moto una vera rivolta". "Provino a
tagliare un solo euro alla sanita' veneta e mi troveranno
personalmente steso di traverso sulla strada che vogliono percorrere
di distruzione della sanita' in Italia, in particolare dove, come in
Veneto, ogni euro risparmiabile e' gia' stato risparmiato senza
aspettare i super esperti di turno. Qui da noi ridurre ancora la
spesa equivarrebbe inevitabilmente a tagliare la assistenza agli
utenti", ha detto, spiegando che la sua posizione e' "senza alcun
margine di trattativa". (AGI)
Ve1 (Segue)
111225 SET 14

NNNN
ZCZC
AGI0177 3 CRO 0 R01 /

Spending review: Zaia, no a tagli sanita' Veneto o sara' rivolta (2) =
(AGI) - Venezia, 11 set. - Rivolgendosi al presidente del Consiglio
Renzi, Zaia annuncia l'invio di una tabella "talmente chiara che, se
solo avra' la bonta' di studiarla, gli fara' capire i molti perche'
del nostro totale, secco, immodificabile no. E ci sia permesso di
dubitare seriamente sulla ennesima promessa che i tagli non saranno
lineari. Sinora infatti - incalza Zaia - la mannaia e' caduta sulla
sanita' in maniera assolutamente non selettiva, colpendo prima di
tutto chi ha gia' razionalizzato". Zaia, poi, ha indicato alcune voci
di spesa per mettere a confronto la situazione nel Veneto con quella
in altre aree del Paese, dove i costi per alcune prestazioni
raggiungono il +650%, +530%, +200%, fino a un minimo di +40% per la
ristorazione: in Veneto, ad esempio, bende e rulli di garza idrofila
costano 0,04 euro a confezione contro 0,19 euro (+650%) altrove; uno
stelo femorale per un impianto primario in ortopedia costa in Veneto
187,46 euro e in giro per la Italia si arriva a spendere il 630% in
piu'; uno stent coronarico che il Veneto paga 196,56 euro, altrove
costa il 200% in piu'. (AGI)
Ve1
111225 SET 14

NNNN