Def: Bonaccini(Regioni), sbagliate le previsioni di crescita

mercoledì 10 aprile 2019



ZCZC3141/SX4
XCI36392_SX4_QBXI
R POL S04 QBXI

   (ANSA) - ROMA, 10 APR - "Sono molto preoccupato perché mi
pare evidente che escono in chiaro dati che peraltro molti di
noi avevano sollecitato qualche mese fa. C'è preoccupazione,
perché quando sbagli le previsioni di crescita significa non
solo che avrai meno entrate, ma che peggioreranno i conti
pubblici e ogni mese aumenta anche il debito pubblico". Lo ha
detto il presidente della Conferenza delle Regioni Stefano
Bonaccini parlando del Def.
   "Un Paese che entra in recessione tecnica - ha aggiunto -
vede una crescita praticamente pari a zero; dall'altro aumenta
il suo debito. Se questo è fatto per gli investimenti significa
che può dare una mano alla crescita futura, ma se è fatto senza
investimenti - ha sottolineato - aumenta il debito e non c'è una
ripresa complessiva del Paese, non c'è una politica industriale
e dell'occupazione. Adesso dovremo, come Conferenza delle
Regioni,  porre un tema che, alla luce della certezza che due
miliardi di tagli comunque ci saranno, vorremmo nelle prossime
settimane capire esattamente dove il governo pensa di recuperare
questi due miliardi". Le regioni saranno toccate? "In
particolare la sanità. Credo che su questo - ha concluso
Bonaccini - avremo bisogno di una qualche forma di garanzia,
cioé che non si vadano a toccare gli accordi dell'incremento del
fondo sanità, fatti col governo solo qualche mese fa".(ANSA).

     TEO
10-APR-19 12:37 NNN