+T -T

Saitta su buone pratiche per l’umanizzazione delle cure

 

(Regioni.it 3362 - 12/04/2018) “La sanità funziona e cerca sempre di migliorarsi. È questo il messaggio che dobbiamo dare ai cittadini e ai tanti operatori che prestano servizio con dedizione nella sanità pubblica”. Così Antonio Saitta, Coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome, commenta i risultati del Premio Andrea Alesini,promosso da Cittadinanzattiva sull’umanizzazione delle cure all’interno del Servizio Sanitario Nazionale, la lotta contro il fumo e la promozione di stili di vita salutari (vedi notizia precedente).
“Il tema della umanizzazione delle cure è fondamentale. E il premio Alesini mette in luce le buone pratiche, – afferma Saitta – la buona sanità che si organizza intorno ai bisogni dei cittadini. Questi riconoscimenti aiutano a migliorare i servizi in generale, riportando il paziente al centro del sistema.
Sono esempi da diffondere. Sono stati premiati sui temi della umanizzazione delle cure: un servizio di oncologia territoriale dell’Ospedale Guglielmo da Saliceto in provincia di Piacenza, l’Usl di Modena che favorisce il dialogo cittadino-azienda e l’Ospedale di Biella per una integrata presa in carico della persona assistita. Per quantro riguarda invece la lotta al fumo di tabacco e la promozione di stili di vita salutari i riconoscimenti sono andati al Dipartimento delle dipendenze – Centro Antifumo Distretto ...
 

 


Saitta: “il riconoscimento dell’Aifa sui farmaci biosimilari è un passo importante per aumentare il numero dei pazienti curati”

mercoledì 28 marzo 2018

Roma, 28 marzo 2018 (comunicato stampa) “L’approvazione da parte dell’Agenzia Italiana del farmaco (Aifa) del secondo Position Paper sui farmaci biosimilari costituisce un primo importante passo per coniugare, seguendo un rigoroso metodo scientifico, il fabbisogno di salute dei cittadini e la sostenibilità del Servizio sanitario nazionale”, è questo il commento del coordinatore della Commissione Salute della Conferenza delle Regioni, Antonio Saitta, sulla decisione dell’Aifa di riconoscere l’equivalenza terapeutica dei farmaci biosimilari.

“Il documento – spiega Saitta - giunge alla conclusione che, sulla base delle attuali conoscenze scientifiche, il rapporto rischio-beneficio dei farmaci biosimilari è lo stesso dei rispettivi farmaci originatori e dunque definisce intercambiabili i farmaci originatori ed i rispettivi farmaci biosimilari, fatta salva la libertà prescrittiva del medico. Si tratta – conclude Saitta - di un riconoscimento fondamentale, che permetterà di liberare risorse da reinvestire nelle terapie farmacologiche innovative e di aumentare il numero dei pazienti curati dalla nostra sanità”.


time
0.062s