Header
Header
Header
         

News


Centri per l'impiego: Grieco, Regioni attendono decreti sui fondi per assumere 4000 operatori

file/ELEMENTO_NEWSLETTER/19841/Grieco_Cristina_20190606.JPG

 

(Regioni.it 3626 - 06/06/2019) Cristina Grieco, coordinatrice della Commissione Lavoro della Conferenza delle Regioni, torna a sottolienare "l'esigenza e l'urgenza della firma del ministro Di Maio del decreto per il riparto dei fondi per l'assunzione di 4.000 addetti dei Centri per l'impiego, sono risorse a bilancio ma che devono essere assegnate alle Regioni per poter far partire le procedure concorsuali". "Oggi due commissioni della Conferenza, quelle sul Personale e sul Lavoro, hanno emanato - spiega Grieco (in una dichiarazione resa al termine della Conferenza delle Regioni del 6 giugno) -un documento per le Regioni affinché siano adottati elementi comuni per le procedure concorsuali. Ma abbiamo tempi molto stretti - ricorda -  perché dobbiamo uscire entro il 30 giugno, come previsto dalla legge". I 4 mila nuovi operatori, conclude l'assessore della Regione Toscana, "rappresentano il rafforzamento qualitativo e quantitativo dei Centri (anche in vista del sovraccarico di ...     Leggi tutto »




 

Centri per l’impiego: Regioni chiedono urgentemente i decreti attuativi per concretizzare il piano di potenziamento

giovedì 16 maggio 2019 Roma, 16 maggio 2019 (comunicato stampa) “Dopo l’Intesa in Conferenza Stato–Regioni sul Piano straordinario per il potenziamento dei centri per l’impiego, chiediamo al Governo un’accelerazione per il rilancio dei servizi, in particolare con l’emanazione del decreto che consente l’assunzione di 4.000 unità di personale e con la possibilità di utilizzare per le assunzioni previste le graduatorie già esistenti”, lo ha dichiarato Donato Toma, presidente della Regione Molise, che oggi ha presieduto la Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. La richiesta – illustrata nel corso della Conferenza delle Regioni dalla Coordinatrice della Commissione lavoro e Assessore della Regione Toscana, Cristina Grieco -, è stata formalizzata con una lettera inviata oggi dal Presidente Stefano Bonaccini ai Ministri Luigi Di Maio e Giulia Bongiorno e al Viceministro Massimo Garavaglia. Nel piano di potenziamento dei centri per l’impiego (Cpi) proposto dal Governo con l’Intesa delle Regioni è prevista “l’assunzione straordinaria di quattromila unità di personale a tempo indeterminato che tempestivamente dovrà essere reclutato dalle Regioni per entrare in forma stabile negli organici”, scrive Bonaccini, consentendo così “il rafforzamento necessario all’attuazione delle riforme in atto, tra cui il reddito di cittadinanza”. Per questo obiettivo è però “indifferibile – sottolinea il Presidente della Conferenza delle Regioni - l’emanazione dei necessari decreti interministeriali di attribuzione delle risorse finanziarie alle Regioni, alla luce dei criteri di riparto condivisi nel Piano”. Per “immettere subito personale nei Centri per l’impiego” e “dare le dovute risposte ai cittadini”, bisogna “reintrodurre per le amministrazioni regionali” - scrive Bonaccini - “la facoltà di utilizzare le graduatorie già in essere per il reclutamento del personale da destinare ai Cpi”. Sulla base di una precedente deroga, in attesa di poter dare luogo alle procedure concorsuali, “le Regioni hanno utilizzato e stanno utilizzando le graduatorie esistenti sui territori, al fine di reperire con tempestività i profili professionali idonei e congrui con le finalità del potenziamento dei centri per l’impiego”. “Infine, per dar seguito al programma di significativo rafforzamento dei CPI, che nel triennio porterà al raddoppio degli organici, occorre poter disporre di sedi strutturalmente adeguate per ospitare il nuovo personale e gli utenti”. Bisogna quindi – conclude Bonaccini nella sua lettera – “procedere in tempi brevi alla ripartizione dei fondi stanziati dalla Legge di Bilancio per le annualità 2019–20, pari a 467,2 milioni di euro per il 2019 ed a 403,1 milioni di euro per il 2020” rendendo poi strutturali tali risorse a decorrere dal 2021, secondo quanto condiviso nel Piano straordinario per il potenziamento dei Cpi. Si tratta di “interventi per l’assunzione del personale e per l’adeguamento delle sedi che rivestono carattere di assoluta urgenza, necessari per la corretta gestione del reddito di cittadinanza”. Temi su cui il Presidente Bonaccini propone al Governo un incontro in tempi rapidi.

Documento della Conferenza delle Regioni del 17 aprile

Centri per l'impiego: raggiunta l'intesa sul piano di potenziamento

file/ELEMENTO_NEWSLETTER/19663/centri_per_l_impiego_191017.jpg

 

(Regioni.it 3597 - 23/04/2019) Il 17 aprile 2019 è stata raggiunta l’intesa sul "piano straordinario di potenziamento dei centri per l'impiego e delle politiche attive del lavoro" (vedi Regioni.it n. 3594). Il via libera delle Regioni, dopo il lungo lavoro di concertazione svolto nei mesi scorsi, è stato comunque condizionato all’accoglimento di un’ultima modifica contenuta in un breve documento che è stato consegnato al Governo. Nel corso della seduta della Conferenza Stato-Regioni “il Ministero del lavoro e delle politiche sociali, accogliendo la richiesta delle Regioni – come si legge negli atti - ha formulato l'emendamento nei termini seguenti "Resta fermo che qualunque intervento effettuato sul territorio regionale in materia di assistenza tecnica sarà preventivamente concordato con le Regioni, secondo le modalità definite dal Piano", un’apertura che ha così consentito di sancire l’intesa. Si riporta di ...     Leggi tutto »





Centri per l’impiego (Regioni): raggiunta l’Intesa

mercoledì 17 aprile 2019   Roma, 17 aprile 2019 (comunicato stampa) “Con l’Intesa in Conferenza Stato-Regioni sull’attuazione del reddito di cittadinanza si è concluso positivamente un percorso che ha visto la ricerca di una stretta e leale collaborazione tra le Regioni e il Governo”, afferma la Commissione Istruzione, Lavoro, Innovazione e ricerca della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome. “Abbiamo varato il piano straordinario di rafforzamento dei Cpi e delle politiche attive che darà alle Regioni – spiega la Commissione - la possibilità di assumere 4.000 operatori a tempo indeterminato e di avvalersi dell’assistenza tecnica di 3.000 navigator contrattualizzati da Anpal servizi. Abbiamo chiarito tutti gli aspetti tecnici ancora aperti e in particolare la centralità dei Centri per l’impiego e il ruolo di assistenza tecnica che dovranno svolgere i navigator. In tal senso è previsto un accordo con la singola Regione che intende avvalersene in sede di convenzione bilaterale con la definizione delle azioni che si intendono realizzare e degli specifici standard di servizio per l'attuazione dei livelli essenziali delle prestazioni. Il piano inoltre contiene i criteri di riparto delle risorse per l’ammodernamento delle strutture ed infrastrutture per il 2019 e 2020. Esprimiamo soddisfazione – conclude la Commissione Istruzione, Lavoro, Innovazione e ricerca della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome - perché il potenziamento dei centri permetterà di elevare il livello dei servizi verso standard di altri paesi europei, e di fronteggiare con più tranquillità la richiesta delle politiche collegate al Reddito di cittadinanza. Il tutto, però, avverrà nel rispetto delle prerogative e delle responsabilità di ogni soggetto istituzionale coinvolto”.



-------------------------------------------------


Centri per l’impiego e Navigator: Grieco, accordo tecnico raggiunto, ora attendiamo Stato-Regioni

giovedì 11 aprile 2019

Roma, 11 aprile 2019 (comunicato stampa) “Abbiamo fatto un importante passo avanti e posto tutte le premesse tecniche per arrivare all’intesa nella prossima Conferenza Stato-Regioni”, così Cristina Grieco, coordinatrice della commissione lavoro della Conferenza delle Regioni ha commentato l’esito del confronto odierno fra Governo e Regioni presso il Dipartimento degli Affari regionali in via della Stamperia a Roma.

“Abbiamo trovato la convergenza a livello tecnico – ha spiegato Grieco - su un testo relativo al piano di rafforzamento che sarà la base per sancire l’intesa.

Credo che il lavoro – ha concluso l’assessore della Regione Toscana - abbia consentito di chiarire nel migliore dei modi la centralità dei servizi per l’impiego e il ruolo di assistenza tecnica che dovranno svolgere i navigator”.

(2019-049sm)


 

Piano straordinario potenziamento Centri per l'impiego: verso l'intesa

file/ELEMENTO_NEWSLETTER/19610/ConferenzaRegioni_20190410.jpg

Decisioni rinviata di qualche giorno

(Regioni.it 3589 - 10/04/2019) La Conferenza Stato-Regioni del 10 aprile non è riuscita a sancire l'intesa per il varo del piano straordinario di potenziamento dei centri per l'impiego e delle politiche attive del lavoro, ma il traguardo appare vicino: "Siamo a buon punto, non ce l'abbiamo fatta a chiudere oggi su qualche aspetto tecnico, però essendoci anche l'urgenza di avviare una procedura selettiva per i navigator abbiamo deciso di darci delle ore, massimo dei giorni, lasciando aperta la Conferenza Stato-Regioni, in modo che si riesca a limare qualche dettaglio tecnico che non ci fa riconoscere in pieno con l'accordo che abbiamo siglato qualche settimana fa", ha spiegato la coordinatrice della Commissione Lavoro della Conferenza delle Regioni, Cristina Grieco (assessore della Regione Toscana). "Al momento - ha aggiunto Grieco - siamo ampiamente entro i termini, diciamo che su richiesta dell'Agenzia Nazionale Politiche Attive del Lavoro (Anpal) e del Ministero, al fine ...

    Leggi tutto »



Go To Top