GOVERNO: ROSSI, 'PER CRESCITA OCCORRONO MOLTI MILIARDI IN PIU' DI INVESTIMENTI PUBBLICI'

venerdì 13 settembre 2019


ZCZC
ADN0072 7 POL 0 ADN POL RTO

      Firenze, 13 set. - (AdnKronos) - "Draghi ha messo a disposizione 20
miliardi al mese per l'acquisto di titoli, tra cui quelli di Stato, e
ha ulteriormente abbassato i tassi di interesse. Insomma, una certa
stabilità degli interessi sui titoli di Stato e la disponibilità di
liquidità a basso costo per le imprese sembrano garantite. Sono buone
notizie. Ma, come dice anche Draghi, non bastano a realizzare la
crescita. Il punto è se ci sarà sviluppo dell'economia reale, cioè se
ci sarà un'effettivo sviluppo della domanda da parte dello Stato,
delle imprese e dei cittadini". Lo afferma il presidente della Regione
Toscana, Enrico Rossi (Pd), in un post sul suo profilo Facebook.

      "Se lo Stato non fa investimenti pubblici, se le imprese non fanno
anch'esse investimenti in rinnovamento tecnologico e ricerca, se i
cittadini non spendono, tanta liquidità non basterà a uscire dalla
crisi - ricorda Rossi - Come dicono gli economisti, c'è l'acqua ma il
cavallo non beve".

      "Se vogliamo una legge di bilancio che promuova davvero la crescita,
occorrono molti miliardi in più di investimenti pubblici - sostiene il
governatore toscano - un sostegno fortissimo di molti e molti miliardi
alle imprese che vogliono investire, una riduzione della precarietà
del lavoro e un aumento dei salari, che sono troppo bassi, anche
attraverso minori tasse sul lavoro. È indispensabile trovare queste
risorse senza fare aumentare il debito che è già troppo alto e ci
costa già troppo". (segue)

      (Red-Xio/AdnKronos)

ISSN 2465 - 1222
13-SET-19 08:35

NNNN


ZCZC
ADN0073 7 POL 0 ADN POL RTO

(2) =

      (AdnKronos) - Per questo, dichiara Rossi, "io penso che occorra
intensificare la lotta all'evasione e chiedere un contributo a quel 10
per cento dei contribuenti più ricchi che in questi anni sono
diventati sempre più abbienti. In ogni caso, sarà sulla crescita che
il governo si giocherà il suo futuro, a partire dalla prossima legge
di bilancio".

      "È chiaro che la crescita e anche i consumi dovranno essere
indirizzati verso un nuovo modello di sviluppo ambientalmente e
socialmente sostenibile, in grado di realizzare l'economia circolare,
fronteggiare i cambiamenti climatici e garantire maggiore inclusione
sociale, dignità delle persone e uguaglianza - conclude il presidente
Rossi - Ma, se ci sarà decrescita, stagnazione o peggio recessione
dell'economia, il green new deal di cui tanto giustamente si parla
resterà una chiacchiera vuota".

      (Red-Xio/AdnKronos)

ISSN 2465 - 1222
13-SET-19 08:35

NNNN