+T -T

[Liguria]
REGIONE LIGURIA, AGRICOLTURA, DA OLIOLIVA IMPERIA

venerdì 26 novembre 2010

L’assessore Barbagallo sul recupero degli oliveti abbandonati

FORTE CONTRIBUTO A PROMOZIONE E COMMERCIALIZZAZIONE

 

IMPERIA. Sono  circa 20 mila gli ettari coltivati ad oliveto sul territorio regionale, mentre le produzioni di olio extravergine di oliva, che presenta un trend in crescita, si attestano, nel 2010, complessivamente in media sui 60-65 mila quintali. Produzione che rappresenta un potenziale valore di mercato attorno ai 60 milioni di euro, che in realtà si riduce di circa la metà   , per via dei consumi familiari e locali nelle zone di produzione.

“ Eventi come Olioliva di Imperia offrono un importantissimo sostegno alla promozione e alla commercializzazione dell’olio extravergine ligure”, afferma l’assessore all’agricoltura della regione Liguria Giovanni Barbagallo, convinto della validità dei progetti di riqualificazione presenti nel territorio ligure per il recuipero degli oliveti abbandonati.

Le aziende  olivicole in Liguria sono 26 mila 245, in gran parte a conduzione familiare, suddivise nella quattro province: Imperia (8.336), Savona (5.537), Genova (5.528), La Spezia (6.844) . Gli addetti sono oltre 35 mila, tra settore primario, industria e commercio oli e derivati.   

Le produzioni a denominazione di origine protetta riguardano una superficie di oltre 1600 ettari con una produzione di olio certificato pari a circa 5 mila quintali, corrispondente al 10% della produzione totale regionale.

La Liguria è stata la prima regione italiana ad aver ottenuto riconoscimento europeo di denominazione di origine protetta per la sua produzione di Olio.

La denominazione di origine Riviera Ligure è riservata all'olio extravergine di oliva rispondente alle condizioni e ai requisiti stabiliti nel disciplinare registrato con regolamento  comunitario.
Le citazioni geografiche aggiuntive individuano le caratteristiche delle tipologie di olio prodotto nelle varie sotto zone: Riviera dei Fiori, Riviera del Ponente Savonese, Riviera di Levante

Ad ogni sotto zona corrisponde un paesaggio olivicolo “varietale” ben preciso (le cultivar principali sono Taggiasca, Lavagnina, Razzola), che caratterizza  l’olio che da queste olive autoctone si produce.

In generale l’olio Dop della Riviera Ligure è caratterizzato da un elevato contenuto in acido oleico (maggiore del 70%), con basso contenuto in acido linoleico e bassa acidità.

Dal punto di vista organolettico, il colore va dal giallo al giallo - verde, con un sapore di fruttato che da ponente a levante sfuma dal dolce a leggere note di amaro e piccante

 

 


time
31ms