MIGRANTI. LEGACOOP: GESTIAMO 17% ACCOGLIENZA, NON IL 100%

venerdì 13 gennaio 2017



ZCZC
DRS0057 3 LAV  0 DRS / WLF 
LUSETTI: "ATTACCHI PRETESTUOSI. A BREVE RIASSEGNAZIONE 29 GIUGNO"

(DIRE) Firenze, 13 gen. - Per quanto riguarda i richiedenti asilo
in Italia "le polemiche dal punto di vista politico danno
l'impressione che noi gestiamo l'accoglienza per il 100%.
L'accoglienza viene gestita da meno del 20% dalle cooperative.
Questo e' un dato che la dice lunga sulla pretestuosita' di
alcune politiche che individuano nella cooperazione lo strumento
che ci guadagna nella gestione di un fenomeno che non dipende da
noi". Lo afferma il presidente di Legacoop, Mauro Lusetti
rispondendo ai giornalisti a margine di un'iniziativa sulla
formazione in merito alle critiche al mondo della cooperazione
sulla gestione delle strutture d'accoglienza dei profughi.
   "Noi gestiamo il 17% dell'accoglienza- ribadisce-. Ci teniamo
a sottolineare che oltre all'accoglienza noi portiamo avanti in
modo molto importante anche l'integrazione. Abbiamo intere
cooperative nelle quali l'ospitalita' si trasforma in
integrazione per centinaia di migranti. In tutta l'area di
servizi e del sociale abbiamo questa politica che non si ferma
all'accoglienza. E sono queste le risposte concrete che
offriamo". Sullo sfondo resta la questione piu' scottante, quella
di Mafia Capitale all'origine di molti attacchi alle coop, che ha
coinvolto pero', precisa Lusetti, "non solo cooperative, ma anche
imprenditori e imprese private. Per quanto ci riguarda-
evidenzia-, noi i compiti a casa li abbiamo fatti tanto che
abbiamo ottenuto da parte del tribunale l'ammissione come parte
lesa nel procedimento penale. E in questi mesi avremo in
riassegnazione la '29 giugno', perche' si e' completato insieme a
noi un percorso di risanamento complessivo di quella
cooperativa". (SEGUE)
  (Cap/ Dire)
13:46 13-01-17

NNNN


NNNN
ZCZC
DRS0058 3 LAV  0 DRS / WLF 

MIGRANTI. LEGACOOP: GESTIAMO 17% ACCOGLIENZA, NON IL 100% -2-


(DIRE) Firenze, 13 gen. - Chi si e' macchiato di reati, pertanto,
specifica ancora Lusetti, "e' stato espulso e la cooperativa nel
suo complesso e' stata avviata a una rigenerazione". L'altra
scelta essenziale di Legacoop e' stata quella di non gestire piu'
i grandi centri, ma di concentrarsi sulle piccole-medie strutture
messe a disposizione dal programma Sprar "che sono amministrabili
secondo logiche anche di rispetto della persona e di qualita' dei
servizi".
  (Cap/ Dire)
13:46 13-01-17

NNNN


NNNN