+T -T


18/02: REGIONI: GOVERNATORI, NON BASTA CLIMA POSITIVO CON GOVERNO 'TEMPI CERTI PER REALIZZARE IMPEGNI ASSUNTI DA ESECUTIVO'

giovedì 19 febbraio 2004


WIN30430                                                                      

 REGIONI: GOVERNATORI, NON BASTA CLIMA POSITIVO CON GOVERNO          

'TEMPI CERTI PER REALIZZARE IMPEGNI ASSUNTI DA ESECUTIVO'
   (ANSA) - ROMA, 18 FEB - Dopo l'incontro di oggi a Palazzo
Chigi, i presidenti delle Regioni chiedono tempi certi sulle
questioni finanziarie poste al governo. Non si accontentano del
clima positivo e delle aperture ottenute su tre dei cinque punti
da loro ritenuti irrinunciabili, ma vogliono capire in che modi
e con quali tempi gli impegni presi si concretizzeranno.
   E' quanto emerso dalla Conferenza dei presidenti, riunita
oggi pomeriggio nella sede di via Parigi a Roma che percio' ha
deciso di inviare, in tal senso, due lettere - una al presidente
Berlusconi, l'altra al ministro Tremonti e al sottosegretario
Letta - nelle quali sollecitano una risposta entro il 4 marzo,
data in cui dovrebbe essere convocata la Stato-Regioni e
Unificata.(SEGUE).

     COA/IMP
18-FEB-04 18:52 NN


WIN30431                                                                      

 REGIONI: GOVERNATORI, NON BASTA CLIMA POSITIVO CON GOVERNO (2)      


   (ANSA) - ROMA, 18 FEB - Mercoledi' o giovedi' - secondo
quanto si apprende - potrebbe gia' esserci un incontro con il
ministro Tremonti. La richiesta dei governatori sembra essere
motivata anche dal fatto che scade il 29 febbraio il tempo utile
per presentare un ricorso alla Corte costituzionale su uno dei
punti rispetto ai quali le Regioni non hanno ottenuto risposte
positive, quelle sulle nuove norme sull'indebitamento.
   In conseguenza della decisione presa, i presidenti delle
Regioni non hanno quindi ancora sciolto, ma rinviato ai prossimi
giorni, il nodo relativo alla loro partecipazione alle due
riunioni istituzionali.
   La Conferenza dei presidenti sta ora proseguendo, in
riservata, per prendere in esame il terzo punto all'ordine del
giorno, quello relativo alla riorganizzazione del sistema delle
conferenze Stato-Regioni, Unificata e della stessa Conferenza
dei presidenti. Dalla riunione dovra' poi uscire un documento
dei presidenti che prendono posizione sulle riforme, ed in
particolar modo sul Senato federale, dopo la presa di posizione
di 30 senatori dell'Udc che hanno presentato due sub-emendamenti
per l'eliminazione della contestualita' dell'elezione dei
senatori con i rispettivi consigli regionali.
   I presidenti nel corso del dibattito di questi mesi, si sono
sempre schierati per la contestualita'. (ANSA).

     COA/IMP
18-FEB-04 18:52 NN