Aumenta l'export

giovedì 20 settembre 2007


Aumenta l'export

(regioni.it) Istat ed export regioni: nei primi sei mesi del 2007 aumenta dell'11,6% su base annua.

Nel periodo gennaio-giugno 2007 il valore delle esportazioni italiane ha registrato un aumento dell’11,6 per cento rispetto allo stesso periodo del 2006 (più 12 per cento verso i paesi europei e più 11 per cento verso l’area extra Ue).

Il Molise e' l'unica regione italiana che ha registrato una flessione delle esportazioni nel primo semestre dell'anno, in virtu' di un calo del 6,8%. L'Istat rende noto che la media italiana e' dell'11,6%.

La dinamica congiunturale valutata sulla base dei dati trimestrali depurati della componente stagionale, precisa l'Istituto nazionale di statistica, ha evidenziato - nel secondo trimestre 2007 rispetto al trimestre precedente - variazioni delle esportazioni pari a +6,1% per le regioni meridionali e insulari, +1,3% per l'Italia nord-occidentale, +0,7% per l'Italia centrale e -0,8% per l'Italia nord-orientale.

Le prime tre regioni in termini di quote di esportazioni nel primo semestre dell'anno sono state la Lombardia con il 28,5%, il Veneto con il 12,9% e l'Emilia Romagna con il 12,8%; queste regioni sono cresciute, rispetto allo stesso periodo del 2006, rispettivamente dell'11,2%, dell'8,1% e del 12,6%.

In generale, le regioni che hanno registrato i maggiori aumenti percentuali delle esportazioni sono la Valle d'Aosta (+73,2%), la Calabria (+38,6%), la Sicilia (+33,8%), l'Umbria (+25,1%), le Marche (+22,8%).

La crescita delle esportazioni ha riguardato tutte le ripartizioni territoriali; incrementi superiori alla media si registrano per l’Italia insulare (più 23,4 per cento) e per l’Italia centrale (più 15,1 per cento); incrementi inferiori a quello medio nazionale si registrano invece per l’Italia nord-orientale (più 10,7 per cento), per quella nord-occidentale (più 10,2 per cento) e per quella meridionale (più 9,2 per cento).

Le variazioni delle esportazioni pari a più 6,1 per cento per le regioni meridionali e insulari, più 1,3 per cento per l’Italia nord occidentale, più 0,7 per cento per l’Italia centrale e meno 0,8 per cento per l’Italia nord-orientale.

Testo integrale
PDF (322 kbyte)

Serie storiche
ZIP (12 kbyte)

Note informative
PDF (48 kbyte)

English version
PDF (66 kbyte)

 

(red/20.09.07)

 

N. 998 - 20 Settembre 2007