Biblioteca: un "manuale" per capire il welfare assistenziale

lunedì 10 marzo 2008


 

Biblioteca: un "manuale" per capire il welfare assistenziale

Biblioteca: un "manuale" per capire il welfare assistenziale

Il libro di Ettore Jorio, edito da "officine giuridiche", disponibile anche on line

 
(regioni.it) Una sorta di guida nel complesso sistema del welfare nel nostro Paese: è in fondo questo il libro di Ettore Jorio “Il welfare assistenziale. La salute; il sociale, i professionisti salutari”, (edito da “OfficineGiuridiche”, anche nella versione in formato elettronico). Il testo si sofferma sui singoli “nodi” del funzionamento del sistema socia-sanitario cercando di spiegare le regole che ne sono alla base.
“ L’opera – si legge sul sito della casa editrice – consta di sedici capitoli, individuati sulla base di tre aree di interesse: la prima, rivolta al diritto alla Salute; la seconda, afferente il diritto dell’assistenza sociale; la terza, riguardante le professioni salutari, in quanto tali inerenti ad entrambe le aree assistenziali.
L’ottica è quella di un’analisi che. non trascurando i diversi livelli partecipi nel sistema (I Ministeri, le Regioni, le aziende, i professionisti, l’Unione Europea, il livello concertativo della Conferenza Stato-Regioni) , guarda al funzionamento del welfare come se fosse un prodotto di un’azione condotta tanto sul piano sanitario, che sul piano sociale.
Se appare ingeneroso, ma anche (per certi aspetti) condivisibile, il giudizio sulla riforma del titolo V della Costituzione (“un evento legislativo – scrive Jorio – che ha determinato ritardi, più o meno colpevoli, delle Regioni nell’adeguare il proprio sistema ordina mentale alle proprie esigenze fisiologiche, consentendo così la consolidata reviviscenza delle norme statali esistenti, garantite nella loro efficacia dal principio della cedevolezza”), l’analisi puntuale dell’autore permette di individuare con precisione ogni architrave su cui poggiano i diversi pilastri dell’edificio sanitario italiano. Tanto che per Jorio non è poi difficile constatare come sul deficit normativo incida, più di ogni altra cosa “la mancata attuazione dell’articolo 119 della Carta. Il federalismo fiscale applicato costituisce – scrive l’autore – il banco di prova dei percorsi legislativi” delineati dal titolo V della Costituzione.
L’opera inquadra, anche storicamente, lo sviluppo legislativo che ha attraversato il servizio sanitario lungo alcune direttrici (identificate anche graficamente in testa alle pagine) e fra queste il tema centrale dei livelli essenziali di assistenza.
Un “manuale” di diritto sanitario indispensabile per gli operatori, utile per gli amministratori pubblici.
 
(red/10.03.08)