UE: TRATTATO; FINOCCHIARO, IMBARAZZO PDL PER POSIZIONE LEGA

venerdì 30 maggio 2008



ZCZC0486/SXA
WPP50254
R POL S0A QBXB
UE: TRATTATO; FINOCCHIARO, IMBARAZZO PDL PER POSIZIONE LEGA

   (ANSA) - ROMA, 30 MAG - Le dichiarazioni dei ministri
Frattini e Ronchi manifestano ''un evidente imbarazzo'' e
segnalano la volonta' della maggioranza ''di mettere la polvere
sotto il tappeto'', vale a dire nascondere la determinazione
della Lega a chiedere un referendum sulla ratifica del Trattato
di Lisbona, mettendo cosi' in discussione l'europeismo di fondo
dell'Italia: e' Anna Finocchiaro, presidente dei senatori del
Pd, a denunciare, in una nota, le contraddizioni nella
maggioranza sull'Europa.
   ''Come fanno - si chiede Anna Finocchiaro - ad affermare che
non c'e' nessun problema, che l'europeismo del governo e'
evidente quando la Lega annuncia che chiedera' un referendum
sulla ratifica del trattato di Lisbona? Purtroppo ancora una
volta corriamo il rischio di indebolire la nostra credibilita' e
la nostra influenza in Europa e nel mondo dopo che con il
governo Prodi e il ministro D'Alema l'Italia si era ricostruita
un ruolo importante nel contesto internazionale''.
   Finocchiaro invita il ministro degli Esteri a risparmiarsi
''vuote dichiarazioni'' e a spiegare piuttosto a Calderoli
l'importanza del Trattato di Lisbona ''e la necessita', per la
crescita del nostro paese, di stare da protagonisti in Europa''.
''La scelta europeista del nostro Paese - e' il monito
dell'esponente del Pd - e' una cosa acclarata, che va aldila'
del colore dei governi che si susseguono alla guida del nostro
Paese. Dall'Europa non si torna indietro ed e' grave che la
maggioranza sia divisa su un tema cosi' importante: se questo e'
l'esordio internazionale del nuovo governo c'e' di che essere  
preoccupati''. (ANSA).

     COM-CLA
30-MAG-08 17:41 NNN