Sicurezza: una sintesi della legge

mercoledì 8 luglio 2009


Sicurezza: una sintesi della legge

Spunti e approfondimenti sulla "Rassegna di attualità giuridica" della Regione Emilia-Romagna

Sicurezza: una sintesi della legge

 
(regioni.it) Il 2 luglio 2009 il Senato ha approvato definitivamente, con 157 voti a favore, 124 contrari e 3 astenuti,il Ddl 733-B recante "Disposizioni in materia di sicurezza pubblica", sul quale il Governo aveva posto la questione di fiducia (cfr. Testo del ddl. 733-B).
Una sintesi delle disposizioni è stata pubblicata nello”speciale n.3 del 2009”della “rassegna di attualità giuridica” della Regione Emilia-Romagna.
“Il ddl – si legge nella “rassegna giuridica” contiene norme di tipo penale e amministrativo, che vanno a riscrivere, tra l’altro, parti importanti del Testo Unico in materia di immigrazione (decreto legislativo n. 286 del 1998). Lo scopo della disciplina sembra in generale quello di rendere più efficace il contrasto all’immigrazione clandestina.
È innanzitutto introdotto il reato di ingresso e soggiorno clandestino (art. 1, comma 16), di natura contravvenzionale ricondotto alla competenza del giudice di pace, con norme procedurali di accelerazione.
In merito alla sanzione, sembra che quella amministrativa dell’espulsione prevalga su quella penale (ammenda), seppure con la riproponibilità dell’azione penale ai danni del clandestino che rientri illegalmente. Anche la sentenza di condanna all’ammenda per il reato d’immigrazione clandestina può essere convertita dal giudice nell’espulsione. Una condanna non definitiva per alcuni gravi reati, poi, può ora costituire causa ostativa per l’ingresso degli stranieri in Italia.
Il Testo Unico è rivisto anche in tema di gestione dei flussi migratori e misure per l’integrazione degli immigrati nella società italiana. In particolare, risulta aumentato il tempo massimo di permanenza (art. 1, comma 22) nei centri di identificazione ed espulsione (CIE, ex CPT) da 60 a 180 giorni, ed è imposto agli stranieri di esibire il permesso di soggiorno o la carta di soggiorno alla Pubblica Amministrazione per il rilascio di qualunque provvedimento, a eccezione di quelli inerenti attività sportive o ricreative, prestazioni sanitarie e prestazioni scolastiche obbligatorie”.
Per quanto attiene il noto tema delle “ronde” si sottolinea “la reintroduzione del reato di oltraggio a pubblico ufficiale, a incremento della tutela degli operatori dell’amministrazione a contatto con il pubblico” eil fatto che “vengono introdotte altresì norme che autorizzano l’impiego di personale addetto alla sicurezza nei luoghi di pubblico spettacolo, anche a tutela dell’incolumità delle persone (art. 3, commi 7 - 13). La selezione e la gestione di tale personale è regolata anche con rinvio ad un decreto del Ministro dell’interno che ne individua i requisiti. Sono disciplinate anche le attività di ausilio al mantenimento dell'’ordine svolte da organizzazioni di volontariato (art. 3, commi 40-45) le quali possono operare attraverso segnalazioni agli organi di pubblica sicurezza di eventi che possono recare danno alla sicurezza urbana o di disagio sociale. Anche la loro attività è regolata con rinvio a un decreto del Ministro dell’interno e con l’iscrizione a un registro prefettizio. La sicurezza urbana viene in rilievo come finalità di numerose norme che aggravano le sanzioni per comportamenti illeciti di varia natura: dai poteri di intervento di sindaci e prefetti nel rimuovere occupazioni abusive di suolo pubblico a una serie di interventi sulle sanzioni per mancata assicurazione degli autoveicoli, per guida in stato di alterazione da stupefacenti, per detenzione di stupefacenti, fino alla modifica di tradizionali norme di pubblica sicurezza sulla detenzione di armi e strumenti atti a offendere, tra i quali si indica in particolare lo spray irritante. Il quadro si completa con l’introduzione di norme penali atte ad agevolare il perseguimento di diversi reati attraverso l’introduzione di aggravanti specifiche o l’ampliamento dell’applicazione di queste”.
Ecco i link alle rassegne pubblicate fino ad oggi:
§                     Rassegna n.0 del 2009 (pdf, 93 kB)
§                     Rassegna n.1 del 2009 (pdf, 47 kB)
§                     Rassegna n. 2 del 2009 (pdf, 57 kB)
§                     Rassegna n.3 del 2009 (pdf, 52 kB)
§                     Rassegna n. 4 - 12/2/09 (pdf, 43 kB)
§                     Rassegna n. 5 - 27/2/09 (pdf, 48 kB)
§                     Rassegna n. 6 - 6/3/09 (pdf, 38 kB)
§                     Rassegna n. 7 - 13/3/09 (pdf, 51 kB)
§                     Rassegna n. 8 - 26/3/09 (pdf, 42 kB)
§                     Rassegna n. 9 - 7/5/09 (pdf, 40 kB)
§                     Rassegna n.10 - 8/5/09 (pdf, 38 kB)
§                     Speciale n.3 sul ddl sicurezza - 3/6/09 (pdf, 60 kB)
 
(red/07.07.09)