[agenzie] V Conferenza nazionale sul turismo: notizie

venerdì 15 ottobre 2010


[agenzie] -


ZCZC2035/SXA
XRR29074
R POL S0A QBXB
TURISMO: BRAMBILLA, ERA CENERENTOLA, DIVENTERA' PRINCIPESSA
ITALIA PROPOSTA COME CANDIDATA DEL CONSIGLIO DEL UNWTO
   (ANSA) - CERNOBBIO (COMO), 15 OTT - ''Sta nascendo la
politica del turismo; Cenerentola si avvia a diventare una
principessa''. Il ministro per il Turismo, Michela Vittoria
Brambilla, ha aperto i lavori della V conferenza nazionale del
turismo, a Cernobbio, e si e' detta soddisfatta del lavoro che
ha svolto da quando e' stato istituito il ministero ''e di come
questo ministero abbia iniziato a recuperare il tempo perduto,
in maniera miope, negli ultimi decenni''.
   Il ministro ha ricordato che il settore da' lavoro a due
milioni e mezzo di persone e che rappresenta il 10% del Pil del
Paese, ''ma possiamo e dobbiamo fare di piu', possiamo
raddoppiare il contributo del turismo al Pil nazionale''.
   Ha poi ricordato che la fase acuta della crisi mondiale
''sembra essere dietro di noi, il peggio e' passato'' e che
l'Italia ha risposto meglio degli altri Paesi competitori
europei.
   Brambilla ha poi cercato di tranquillizzare le Regioni e gli
operatori sulla recente approvazione del Codice del Turismo da
parte del Consiglio dei Ministri: ''Verra' presto una fase
intensa di confronto'', cosi' come, ha spiegato, ''verra'
sciolto il commissariamento dell'Enit, l'ente di promozione
turistica, non appena sara' stato esaminato e licenziato il
regolamento dell'Enit dalla Conferenza Stato-Regioni''.
   Sulla richiesta degli operatori di abbassare l'Iva, il
ministro ha ammesso che nei Paesi europei l'aliquota e'
inferiore ma ''se e' vero che il sistema fiscale di un Paese non
e' esportabile'', e' anche vero che ''la disomogeneita' tra
Paesi europei puo' creare svantaggi per i nostri operatori'': di
qui la promessa, quando la situazione economica lo consentira',
che il governo si attivi per l'armonizzazione delle aliquote Iva
in Italia sugli standard europei''.
   Il ministro ha infine dato una buona notizia: in
considerazione del ruolo che l'Italia sta svolgendo, il nostro
Paese e' stato proposto all'unanimita' come candidato alla
presidenza del consiglio esecutivo dell'Organizzazione mondiale
del turismo (Unwto).(ANSA).

     VR/FV
15-OTT-10 12:25 NNN
ZCZC2821/SXA
XCI29701
R POL S0A QBXB
TURISMO:DI DALMAZIO, REGIONI SIANO PIU' COINVOLTE
SERVE PIANO STRATEGICO TURISMO.NON INFORMATI SU 'CODICE TURISMO'
   (ANSA) - CERNOBBIO, 15 OTT -  - Il Codice del Turismo e'
stato approvato dal Consiglio dei ministri ''senza che ne
fossimo informati''; ''si parla da due anni, da troppo tempo, di
un Piano strategico sul turismo e noi siamo pronti a sederci
domani mattina per elaborarlo e licenziarlo in 6-8 mesi'';
infine servono risorse per l'Enit ''al cui futuro, altrimenti,
e' difficile guardare''.
    Il coordinatore degli assessori regionali al Turismo e
assessore in Abruzzo, Mauro Di Dalmazio - intervenuto subito
dopo la relazione del ministro del Turismo Michela Brambilla
alla V Conferenza nazionale del Turismo - pur usando maniere
'dolci' nella forma, non ha di fatto lesinato critiche al
ministero del Turismo.
    Sull'Enit, in particolare, ha messo in guardia: ''gira in
Parlamento un provvedimento che ne vuole l'abolizione, cerchiamo
di bloccarlo'', ha detto rivolgendosi al ministro.
    Ha poi sostenuto che le Regioni ''sono dispiaciute'' per
''alcune decisioni unilaterali, sebbene prese in buonafede'' tra
cui l'approvazione del Codice del Turismo ''sul quale non
eravamo informati'' ma ha anche ricordato che i governatori non
si sono mai arroccati su posizioni precostituite e hanno ''visto
positivamente la nascita del ministero del Turismo''. Infine ha
elogiato la nascita del Comitato permanente sul turismo, ''da
li' dobbiamo ripartire per evitare discrasie, equivoci e azioni
diversificate''.(ANSA)

     VR
15-OTT-10 13:37 NNN
ZCZC4084/SXA
XCI30806
R POL S0A QBXB
TURISMO: UNIONCAMERE; FATTURATO CROLLATO DAL 2009, -15%

   (ANSA) - CERNOBBIO, 15 OTT - ''Se il calo complessivo dei
flussi e' stato contenuto (-4,5% di presenze nel 2009 e -2% di
camere vendute nel 2010), il fatturato delle imprese ha
registrato una riduzione dell'11% nel 2009 e di un ulteriore 4%
nel 2010. I dati li ha forniti il presidente di Unioncamere,
Ferruccio Dardanello, che ha parlato di ''due anni difficili per
il turismo come, del resto, per l'economia'', intervenendo alla
V Conferenza nazionale del turismo in corso di svolgimento a
Cernobbio.
   ''Per la prima volta dopo anni - ha detto Dardanello, in un
intervento che e' stato piu' volte applaudito - sebbene il saldo
delle imprese resti attivo, il registro delle Camere di
commercio ha sperimentato un rallentamento delle iscrizioni alle
nuove attivita' d'impresa nel settore della ristorazione e del
ricettivo, pari al 5,1% rispetto allo scorso anno, a fronte di
una crescita media del totale delle nuove iscrizioni pari al
9,7%. E' un segnale - ha concluso - da tenere sotto
osservazione''.(ANSA)

     VR
15-OTT-10 15:30 NNN
ZCZC4374/SXA
XCI31116
R POL S0A QBXB
TURISMO: FEDERTURISMO, IMPRESE CHIEDONO PIU' PRAGMATISMO
WINTELER, APPORTO DEL TURISMO AL PIL E' LEGGERMENTE SCESO
   (ANSA) CERNOBBIO (COMO), 15 OTT - ''Le idee sono pure buone
ma serve maggiore pragmatismo e tempi piu' stretti
d'attuazione'': il presidente di Federturismo, Daniel John
Winteler, intervenuto alla V Conferenza nazionale del turismo,
ha sollecitato il governo a fare di piu' per il settore. ''Gia'
nel giugno 2008, in occasione della IV Conferenza nazionale sul
turismo a Riva del Garda - ha ricordato tra gli applausi - si
disse di fare un Piano strategico sul turismo: non possiamo fare
passare due anni senza che nulla accada. Nel frattempo il Pil
del turismo non solo non e' aumentato ma, anche se di poco, e'
diminuito''.
    ''In questi due anni - ha aggiunto - le imprese si sono
allontanate dal Governo, dal ministero del Turismo e dalle
Regioni perche' sono mancati i risultati concreti. Le risorse ci
sono, ma vanno gestite meglio. Anche il portale e' stato si'
ripreso e rilanciato, ma siamo lontani dagli obiettivi che ci si
era prefissati''. Infine, Winteler ha ricordato il piano
presentato recentemente da Confindustria e da Federturismo per
il rilancio del settore, ''che creerebbe un milione e mezzo di
posti di lavoro in piu', in un momento come questo non sono
affatto pochi''. (ANSA).

     VR
15-OTT-10 15:51 NNN
ZCZC4380/SXA
XCI30958
R POL S0A QBXB
TURISMO: BOCCA, FATTURATO E OCCUPATI IN DRAMMATICO CALO

   (ANSA) - CERNOBBIO, 15 OTT -  Calo dei fatturati delle
imprese del settore e conseguentemente anche dell'occupazione
(-2,6%), diminuzione dei passeggeri del 17% in due anni a danno
del turismo organizzato, problemi di accesso al credito e di
pagamento di forniture: il quadro fornito dal presidente di
Confturismo, Bernabo' Bocca, e' pesante: ''dobbiamo partire da
qui - ha detto Bocca - i sogni sono solo velleita'''.
   E ha chiesto che la Conferenza nazionale del turismo si
riunisca piu' spesso rispetto alla volta ogni due anni prevista
dalla legge; ''in due anni cambia il mondo'' o che si torni a
convocare, come si faceva anni fa, il Comitato nazionale del
turismo, perche' serve ''un punto fisico di incontro di tutti
gli attori del settore'', anche per dare forza ad un comparto
''la cui lobby non e' forte come quella di altri''.
    Del resto anche l'Enit, l'Ente nazionale del turismo, ''e'
da troppo tempo sotto una gestione commissariale, chiediamo
tempi certi affiche' venga ricostituito il Cda''. ''La
governance del settore non ci interessa - spiega Bocca - ed e'
ormai evidente a tutti che all'estero la promozione deve vedere
agire un soggetto unico mentre in Italia sono importanti gli
enti locali ma la macchina che si era messa in moto si e' presto
inceppata''.
   Infine l'introduzione dell'odiata imposta di soggiorno: ''non
si puo' pensare di risolvere il deficit delle casse pubbliche
spremendo un settore che gia' tanta poca attenzione ha avuto.
Cosi' non va, non e' certo questa l'attenzione che ci
aspettavamo dal governo'', conclude Bocca.(ANSA)

     VR
15-OTT-10 15:51 NNN
ZCZC
AGI0481 3 CRO 0 R01 /

TURISMO:DARDANELLO(UNIONCAMERE),CALO ISCRIZIONI REGISTRO IMPRESE =
(AGI) - Como, 15 ottobre 2010 - "Il turismo, come il resto
dell'economia, ha vissuto due anni difficili". E' quanto ha
evidenziato il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello,
intervenendo alla Conferenza nazionale sul turismo in corso a
Como. "Se il calo complessivo dei flussi e' stato contenuto
(-4,5% di presenze nel 2009 e -2,5% di camere vendute nel
2010), il fatturato delle imprese ha registrato una riduzione
dell'11% nel 2009 e di un ulteriore 4% nel 2010. Il
contraccolpo - ha aggiunto -  si e' fatto sentire anche sulla
diffusione del sistema imprenditoriale. Nel secondo trimestre
di quest'anno, per la prima volta dopo anni, sebbene il saldo
delle imprese resti attivo, il Registro delle Camere di
commercio ha sperimentato un rallentamento delle iscrizioni di
nuove attivita' d'impresa nel settore della ristorazione e del
ricettivo pari al 5,1% rispetto allo scorso anno, a fronte di
una crescita media del totale delle nuove iscrizioni pari a
9,7%. E' un segnale da tenere sotto osservazione, che richiede
un lavoro congiunto sui fattori "chiave" capaci di assicurare
lo sviluppo del settore. Tra questi, fondamentale e' la
politica sulla qualita' dell'offerta, che il sistema camerale
sta da anni perseguendo con il progetto "Ospitalita' italiana",
che ha gia' prodotto 5.400 le aziende turistiche certificate, e
che, con la certificazione dei ristoranti italiani nel mondo,
ha conosciuto un ulteriore, importante passaggio. Oggi possiamo
contare su una rete di circa 1.000 ristoranti certificati che
possono raggiungere un milione di consumatori al giorno,
veicolando attraverso i "sapori" nazionali l'immagine del brand
Italia. Un esempio, quello italiano, considerato una buona
pratica anche a livello Ue, che di recente ha sancito la
nascita del marchio di qualita' europeo".(AGI)
com
151612 OTT 10

NNNN
ZCZC
ADN0893 3 ECO 0 ADN ETU NAZ

      TURISMO: BRAMBILLA, E' STRATEGICO, POSSIAMO E DOBBIAMO FARE DI PIU' =

      Roma, 15 ott. - (Adnkronos) - Il turismo e' un "settore
strategico per la nostra economia, che gia' ora rappresenta
all'incirca il 10% del Pil e da' lavoro, direttamente o
indirettamente, a due milioni e mezzo di persone". Ma, con le
'dotazioni naturali' di cui gode l'Italia, "possiamo e dobbiamo fare
molto di piu'". Sono le parole con le quali il ministro del Turismo,
Michela Vittoria Brambilla, e' intervenuta alla V conferenza nazionale
del turismo a Cernobbio.

      Il turismo, ha aggiunto Brambilla, "e' stato considerato, da una
miope e purtroppo diffusa visione economica, quale attivita'
residuale, quasi folkloristica, una sorta di 'cenerentola' delle
attivita' produttive. Ma credo si debba davvero dare atto a questo
governo di non avere perso tempo e di avere affrontato fattivamente e
concretamente il tema".

      "Oggi, giorno dopo giorno e a tutti livelli, al turismo viene
sempre piu' riconosciuto lo status di attivita' produttiva strategica
del paese, con quel che ne consegue. Cenerentola diventera'
principessa e io non considerero' esaurito il mio mandato fino a che
questo grande cambiamento culturale non sara' avvenuto in maniera
compiuta", ha concluso il ministro del Turismo.

      (Mca/Pn/Adnkronos)
15-OTT-10 16:29

NNNN
ZCZC4946/SX4
XRR31899
R POL S04 QBXI
TURISMO: BONO (UPI), ENIT E' STRUTTURA OTTOCENTESCA
ANCI, SPERIAMO MINISTERO DIVENTI CON PORTAFOGLIO
   (ANSA) - CERNOBBIO (COMO), 15 OTT - ''Siete convinti che, in
un mondo in cui ormai domina il web, sia giusto mantenere una
ventina di delegazioni dell'Enit nel mondo che peraltro non
riescono a fare un euro di promozione?''. L'interrogativo lo ha
posto Nicola Bono, responsabile del turismo per l'Upi, l'Unione
delle Province d'Italia, che ha preso la parola nel corso dei
lavori nella quinta conferenza nazionale del turismo.
   Per Boni, l'Enit e' ''una struttura ottocentesca, che aveva
senso 30 anni fa ma che ora e' superata e non ha un ruolo
competitivo''.
   Per l'Anci, l'Associazione dei Comuni Italiani, e'
intervenuto invece Emilio Floris che ha elogiato la ''libera
attivita' del ministro Brambilla'' e gli accordi quadro che
l'Anci ha siglato con il ministero del Turismo. ''Auguro che la
quinta conferenza del turismo ci porti un Ministero dotato di
risorse finanziarie visto che dopo la quarta conferenza
ottenemmo la ricostituzione del Ministero, anche se senza
portafoglio'', ha concluso Floris. (ANSA).

     VR/MB
15-OTT-10 16:34 NNN
ZCZC5392/SX4
XCI32199
R POL S04 QBXI
TURISMO: FORMIGONI, FISCALITA' UE SIA AFFIDATA AL TERRITORIO
'E SERVE CONCERTAZIONE NELLE STRATEGIE NAZIONALI'
   (ANSA) CERNOBBIO (COMO), 15 OTT - ''Il turismo deve essere
concepito in un'ottica allargata con una sola parola d'ordine:
fare sistema'': a sostenerlo e' stato il presidente della
Regione Lombardia, Roberto Formigoni, intervenuto dal palco
della V Conferenza nazionale del turismo.
   Secondo il governatore ''occorre un livello ampio di
concertazione, di dimensioni europee. Gli enti di governo devono
impegnarsi ad aumentare la propria capacita' di attrarre risorse
dall'Unione europea, sia attraverso il miglioramento
dell'efficienza della spesa, che attraverso l'assidua
partecipazione ai programmi gestiti direttamente dalla
Commissione''. E Formigoni e' andato oltre: ''e' il momento di
discutere anche in Europa di cio' che stiamo sviluppando in
Italia: un fisco non gestito centralisticamente ma affidato agli
enti piu' prossimi alle esigenze del territorio''. Insomma, per
il governatore, occorre immaginare ''in ambiti sempre piu' ampi,
forme di collegamento diretto tra la Commissione europea e i
governi regionali: cio' consentirebbe di accrescere il livello
di responsabilita' delle Regione nella gestione di alcune
materie, come la gestione dei fondi strutturali''.
   Infine il presidente della Lombardia ha ribadito
l'importanza, in materia turistica, di strategie che abbiano un
orizzonte comune: ''e' fondamentale una concertazione tra
Governo, Regioni e rappresentanti di categoria nella
formulazione di ogni strategia a valenza nazionale''. (ANSA)

     VR
15-OTT-10 17:05 NNN
ZCZC5790/SXA
XCI32548
R POL S0A QBXB
TURISMO: D'OVIDIO, IN UE +80% CROCIERE DAL 2005 AL 2009

   (ANSA) CERNOBBIO (COMO), 15 OTT - ''L'Europa sta guidando la
crescita del settore crocieristico mondiale con un incremento
dell'80% registrato tra il 2005 e il 2009''. Il presidente
dell'European Cruise Council, Manfredi Lefebvre d'Ovidio,
intervenuto oggi alla V Conferenza Nazionale del Turismo, ha
diffuso una serie di dati su un settore in continua crescita.
   ''L'anno scorso sono stati movimentati in Europa 23,8 milioni
di passeggeri grazie a 152 navi da crociera che hanno operato
nel Mediterraneo e 95 in Nord Europa" ha affermato Lefebvre.
"L'industria crocieristica europea ha generato pi— di 34
miliardi di euro di beni e servizi con quasi 300.000 posti di
lavoro". "L'Italia, con 4.3 miliardi di euro, Š il paese europeo
con la spesa nel settore crocieristico pi— elevata - ha
continuato Lefebvre - e resta la destinazione preferita dei
crocieristi, detenendo una quota di mercato di circa il 21%
grazie agli oltre 9 milioni di passeggeri movimentati nel 2009
nei porti italiani".
  "E' strategica la presenza di un tavolo tecnico presso il
ministero del Turismo che affronti esigenze infrastrutturali e
normative del Paese e capace di consolidare la leadership
italiana in Europa", ha aggiunto Pierfrancesco Vago,
vicepresidente ECC e amministratore delegato di MSC Crociere.
(ANSA).

     VR
15-OTT-10 17:33 NNN
ZCZC5976/SXA
XCI32683
R POL S0A QBXB
TURISMO: REGIONI, LE NOSTRE PROPOSTE PER IL PIANO STRATEGICO

   (ANSA) - CERNOBBIO (COMO), 15 OTT - Si muove su 11 punti la
proposta di Piano strategico del turismo presentata dalle
Regioni nella Conferenza nazionale del turismo. Il documento,
approvato dalla Conferenza delle Regioni, affronta nodi mai
sciolti del turismo.
   Partendo dalla precedente Conferenza nazionale del turismo di
Riva del Garda del giugno 2008, le Regioni sottolineano come "il
Piano strategico nazionale non Š stato mai adottato, e molta
parte delle priorit… individuate sono ancora di stretta
attualit…". Il documento si apre con il problema della
governance del turismo, sottolineando che "occorre un recupero
della funzione di collaborazione costante del governo, del
dipartimento del Turismo con la Conferenza delle Regioni". Un
altro punto della piattaforma delle Regioni, Š la promozione e
il ruolo dell'Enit.  E' prioritario riprendere - scrivono - e
portare a conclusione il confronto, avviato ma interrotto, sulla
riforma dell'Enit, e occorrer… che il governo lo doti di risorse
finanziarie adeguate.
   Le Regioni chiedono poi che il governo preveda politiche di
sostegno e incentivi a favore delle strutture ricettive e che si
creino politiche di sostegno alla formazione.  Sul fronte del
demanio, le Regioni chiedono che "in un 'ottica di realizzazione
di un federalismo vero'' gli introiti dei canoni di concessione
versati oggi dalle imprese balneari allo Stato, debbano essere
devoluti alla Regioni. (ANSA).

     VR
15-OTT-10 17:43 NNN
ZCZC
ASC0307 1 ECO 0 R01 / LK XX ! 1 X

TURISMO: IN 11 PUNTI LA PROPOSTA DELLE REGIONI PER PIANO STRATEGICO =
(ASCA) - Cernobbio (Como), 15 ott - Si muove su undici punti
la proposta di Piano strategico del turismo presentata dalle
Regioni alla Conferenza nazionale del turismo, in svolgimento
a Cernobbio. Il documento approvato dalla Conferenza delle
Regioni affronta nodi importanti e mai sciolti a livello
nazionale, avviando di fatto il confronto con tutti gli
attori principali del turismo, a partire da Governo, enti
locali e imprese.
   Partendo dalla precedente Conferenza nazionale del turismo
di Riva del Garda del giugno 2008, le Regioni sottolineano
come ''il Piano strategico nazionale non e' stato mai
adottato, e molta parte delle proposte e delle priorita'
individuate nel 2008 sono ancora di stretta attualita'''. Il
documento si apre con il problema della governance,
sottolineando che ''occorre un recupero della funzione di
collaborazione costante del Governo e del dipartimento del
Turismo con la Conferenza delle Regioni, in modo tale da
tradurre le politiche turistiche regionali in interventi e
strumenti legislativi ed attuativi condivisi e di
integrazione con gli altri comparti economici''. Il terzo
punto della piattaforma delle Regioni e' la promozione e il
ruolo dell'Enit: ''Appare prioritario riprendere e portare a
conclusione il confronto, avviato ma interrotto, sulla
riforma dell'Agenzia nazionale del turismo (Enit),
rivalutandone il ruolo alla luce della sua esperienza e della
sue capacita' operative''. ''Nel contempo - aggiungono le
Regioni - occorrera' che il Governo doti l'Agenzia di risorse
finanziarie adeguate alla realizzazione di azioni di
promozione all'estero, al fine di rafforzare il brand Italia,
fondamentale per qualunque azione promozionale da parte delle
Regioni''.
iso/mpd/ss
151749 OTT 10 

NNNN