FEDERALISMO: ERRANI, INTESA A RISCHIO CON TAGLI MANOVRA

mercoledì 1 dicembre 2010



ZCZC
AGI0348 3 POL 0 R01 /

(AGI) - Roma, 1 dic. - Le Regioni hanno presentato le loro
proposte e il Governo si e' riservato di valutarle. E' questa
la conclusione dell'incontro avvenuto oggi al Ministero
dell'Economia fra i rappresentanti dell'esecutivo e la
conferenza dei governatori, chiamati a dare il loro parere sul
decreto legislativo sul federalismo che riforma la fiscalita'
regionale. L'appuntamento e' per il 9 dicembre, giorno in cui
e' stata convocata la conferenza unificata. Un parere che
rischia di essere negativo se non si affrontano prima i tagli
previsti nella manovra.
    "Noi abbiamo presentato le nostre proposte partendo
dall'insostenibilita' della manovra. Abbiamo chiesto di tornare
alla fiscalizzazione del trasporto pubblico locale, cancellata
dalla manovra di luglio - ha detto Errani - per poter gestire
un servizio fondamentale per il Paese e abbiamo chiesto - ha
aggiunto - di annullare i tagli di 4 miliardi e mezzo sui
trasferimenti perche' c'e' gia' la riduzione del Patto di
stabilita' interno". Le Regioni, sono consapevoli delle
difficolta' che sta attraversando il Paese e l'Europa, ma sono
anche consapevoli che sulle questioni fondamentali non si puo'
transigere". Il Governo "non ha dato una risposta. Si e'
riservato di valutare. La nostra proposta - ha proseguito
Errani - dimostra il senso di responsabilita' delle Regioni. Da
qui al 9 dicembre verificheremo se c'e' un cambio e una
risposta positiva a questa proposta sostanzialmente
irrinunciabile". Le Regioni daranno, in ogni caso, il parere
sul decreto legislativo che le riguarda. Un decreto sul quale
hanno gia' formulato 15 proposte di merito. "Prendo atto che da
molti mesi ormai, come Regioni, stiamo cercando un'intesa" ha
anche detto il Presidente della Conferenza delle Regioni. (AGI)
Mao/Msc
011446 DIC 10

NNNN