REGIONI. ERRANI A GOVERNO: RIDURRE TAGLI O SALTA IL FEDERALISMO

mercoledì 1 dicembre 2010



ZCZC
DIR0323 3 POL  0 RR1 / DIR 

REGIONI. ERRANI A GOVERNO: RIDURRE TAGLI O SALTA IL FEDERALISMO


(DIRE) Roma, 1 dic. - Se il governo non cancella i tagli al
trasporto pubblico locale e ai trasferimenti alle regioni il
parere sul decreto del federalismo fiscale sara' negativo e
allora sara' "impossibile" portarlo avanti. L'avvertimento e' del
leader dei governatori, Vasco Errani, che questa mattina ha
incontrato per poco piu' di un'ora, insieme ad una delegazione
della Conferenza dei presidenti, i ministri Tremonti, Calderoli,
Bossi e Fitto nella sede del Tesoro.
   I presidenti delle regioni hanno proposto al governo, racconta
Errani ai cronisti lasciando via XX settembre, di "tornare alla
fiscalizzazione del trasporto pubblico locale cancellata dalla
manovra" e poi di "annullare i tagli da 4,5 miliardi sui
trasferimenti in quanto esiste gia' un taglio analogo nel patto
di stabilita' interno".
   Partendo dalla "insostenibilita'" della finanziaria,
sottolinea Errani, la "nostra proposta e' fatta con la
consapevolezza delle difficolta' che affronta il paese". Pero'
"su alcune cose fondamentali non si puo' transigere". Il governo
"non ha dato risposte e si e' riservato di decidere". La
conferenza delle regioni si riunira' il 9 dicembre per il parere
sul decreto del federalismo fiscale: se ad allora non saranno
arrivate risposte positive il parere sara' negativo. E percio',
spiega il leader dei governatori, "sara' impossibile che il
federalismo vada avanti senza le regioni".

  (Lum/ Dire)
14:48 01-12-10

NNNN