(LZ) LIBERALIZZAZIONI. ERRANI: FAVOREVOLI, MA CONFRONTO GOVERNO

giovedì 2 febbraio 2012




ZCZC
DIR0230 3 REG  0 RR1 / ROM 

(LZ) LIBERALIZZAZIONI. ERRANI: FAVOREVOLI, MA CONFRONTO GOVERNO
DA PRESIDENTI REGIONI SERIE DI EMENDAMENTI AL DECRETO.

(DIRE) Roma, 2 feb. - "Noi siamo favorevoli alle liberalizzazioni
e siamo pronti" a dare parere positivo al decreto, "ma come via
principale riteniamo opportuno un confronto di merito con il
governo". Lo ha detto il presidente della Conferenza delle
Regioni, Vasco Errani, al termine della riunione dei governatori
che all'ordine del giorno avevano il parere sul decreto
liberalizzazioni.
   "E' necessario definire il rapporto tra la normativa sulla
concorrenza e le funzioni delle Regioni- ha spiegato Errani- Ci
sono elementi che richiedono una collaborazione e quindi
chiediamo un confronto immediato con il governo". A breve al
ministero degli Affari regionali si svolgera' la Conferenza
Unificata e poi la Stato-Regioni. "Presenteremo una serie di
emendamenti- ha sottolineato Errani- e ascolteremo la
disponibilita' del governo". Uno degli emendamenti riguarda la
tesoreria unica. "E' una scelta che ci porta indietro di
vent'anni- ha concluso Errani- Dobbiamo trovare una nuova e
migliore forma per accelerare i pagamenti, un obiettivo giusto
del governo". (SEGUE)

  (Mel/ Dire)
13:15 02-02-12

NNNN


(LZ) LIBERALIZZAZIONI. ERRANI: FAVOREVOLI, MA CONFRONTO... -2-
ZCZC
DIR0241 3 REG  0 RR1 / ROM 

(LZ) LIBERALIZZAZIONI. ERRANI: FAVOREVOLI, MA CONFRONTO... -2-


(DIRE) Roma, 2 feb. - Sulla sanita' "c'e' un emendamento che
attiene le farmacie- ha continuato Errani- in relazione alle
competenze e soprattutto al tema del commissariamento che a
nostro parere non puo' essere posto in questi termini".
   Per quanto riguarda, invece, la liberalizzazione degli orari
dei negozi, il presidente della Conferenza delle Regioni ha
concluso: "Abbiamo gia' chiesto al ministro Passera, che ha dato
la sua disponibilita', di garantire la liberalizzazione ma allo
stesso tempo di assicurare la possibilita' alle Regioni di
articolare quell'impianto, anche rispetto alle loro condizioni
del territorio. Questo potrebbe essere uno degli elementi che ci
fara' sperimentare il passo in avanti che proponiamo".

  (Mel/ Dire)
13:20 02-02-12

NNNN