L.STABILITA': CALDORO, ASSURDO NON INSERIRE REGIONI IN FONDO NECESSARIO PER COMPENSAZIONI E PER I DEBITI STRUTTURALI

lunedì 5 novembre 2012


ZCZC3952/SX4 ONA73320 R POL S04 QBXI    (ANSA) - NAPOLI, 5 NOV - ''Ritengo assurdo, incomprensibile e irresponsabile, non ha alcuna logica non inserire le Regioni tra i destinatari del Fondo di rotazione''. Il presidente della Regione Campania, Stefano Caldoro, ha ricordato che la misura messa a disposizione di Comuni e Province ''e' nata in tempi non sospetti''.    ''Ne parlo da piu' di un anno e mezzo - ha ricordato - E' necessario un fondo di rotazione per consentire due misure: la prima per le compensazioni, cioe' destinate al ritardo dei pagamenti, per dare liquidita' e pagare il debito commerciale, la seconda per i debiti strutturali''. Un fondo che e' stato richiesto dalle Regioni, che hanno approvato il documento all' unanimita' in Conferenza delle Regioni. ''Non mi spiego il mancato coinvolgimento se non in una logica politica e non tecnica - ha affermato - Se c'e' una logica politica ce la spieghino, vuol dire che di fatto si chiede lo scioglimento delle Regioni in squilibrio, ma in questo caso e' una scelta politica non istituzionale''. Da parte del Governo, c'e' disponibilita' a ''collaborare'', prova ne e', ha spiegato, la lettera del ministro dell'Economia, Vittorio Grilli, in merito all'invio di commissari ad acta per il settore del trasporto.    Serve, quindi, una ''linea di collaborazione anche su altro'', sull'estensione, cioe', dei benefici del fondo anche alle Regioni: ''Saremo durissimi nel valutare il Governo se non viene su questa linea di collaborazione''. Ora, ha sottolineato Caldoro, ''e' stato chiesto al Governo di inserire anche le Regioni'' in questo fondo. La ''battaglia'' delle Regioni non si ferma: ''Ieri ho sentito Errani per fare il punto della situazione, le Regioni torneranno sull'argomento''. Anche perche', ''il Governo non ha risposto negativamente. Occorre formulare l'emendamento e prevedere la copertura''. (ANSA).

     YW9-SS 05-NOV-12 14:46 NNN

ZCZC4007/SXR ONA73344 R CRO S44 QBXO L.STABILITA': CALDORO, ASSURDO NON INSERIRE REGIONI IN FONDO (2)

   (ANSA) - NAPOLI, 5 NOV - Caldoro si e' detto ''felice'' della risposta ''molto efficace'' che il Governo ha dato a Comuni e Province in difficolta' economiche accertate. Il Fondo, ha spiegato, serve per coprire la situazione debitoria. ''Noi abbiamo - ha affermato un indebitamento di 16miliardi a cui si aggiungono oltre 600milioni di deficit''. ''Con 200 euro a cittadino - ha proseguito - i Comuni che hanno problemi di cassa riescono a coprire il 60% della situazione debitoria. Un'operazione che io sogno di poter fare in Campania''.    Dal punto di vista del presidente campano, lo strumento del Fondo andava dato ''prima alle Regioni, poi a Comuni e Province''. ''Questa misura, al di la' di chi vede il bicchiere mezzo vuoto, e' in ogni caso straordinariamente efficace - ha aggiunto - Adesso, inoltre, c'e' l'ulteriore correttivo con il quale si e' passati da 100 a 200 euro a cittadino''. Se la Regione potesse avere lo stesso strumento, ''avendo una situazione alle spalle peggiore di Comuni ed Enti locali'', si sarebbero potuti risolvere, in Campania, ''gran parte dei problemi, al di sopra del 50%''.    Il correttivo introdotto da un emendamento al testo ''non e' stata una risposta data solo al Comune di Napoli, ma a tutti''. Una risposta ''di sistema'', l'ha definita Caldoro. Per il governatore, le risorse attualmente previste ''sono sufficienti'' per coinvolgere anche le Regioni. ''La copertura e' attorno ai 2miliardi, inoltre e' previsto un collegamento con la Legge di stabilita' per cui il fondo puo' essere aumentato successivamente - ha concluso - realisticamente sarebbero 4, in Italia, le Regioni, con situazione di 'squilibrio finanziario' accertato, che accederebbero al Fondo''. (ANSA).

     YW9-SS 05-NOV-12 14:51 NNN