LAVORO: ISTAT, OLTRE 700MILA GIOVANI OCCUPATI IN MENO DAL 2008

mercoledì 22 maggio 2013


 


ZCZC
ADN0158 3 ECO 0 ADN ECO NAZ


TASSO DI DISOCCUPAZIONE AUMENTATO DI 5 PUNTI, RECORD DI NEET

Roma, 22 mag. (Adnkronos) - Le opportunita' di ottenere o
conservare un impiego per i giovani si sono significativamente
ridotte. Tra il 2008 e il 2012, rileva l'Istat nel rapporto annuale,
gli occupati 15-29 enni sono diminuiti di 727 mila unita' (di cui 132
mila unita' in meno nell'ultimo anno) e il tasso di occupazione dei
15-29enni e' sceso di circa 7 punti percentuali (-1,2 punti
nell'ultimo anno) raggiungendo il 32,5%.

Nello stesso periodo, il tasso di occupazione dei 30-49enni si
e' ridotto di 3,1 punti percentuali (-0,8 punti percentuali nel 2012)
mentre e' aumentato tra i 50-64enni, soprattutto per le donne (+4,0
punti percentuali in media, +5,6 se donne; nel 2012 rispettivamente
+1,7 e +2,4 punti percentuali). Nel 2012 il tasso di occupazione e'
cosi' pari al 72,7% per i 30-49enni, e al 51,3% per i 50-64enni. Il
tasso di disoccupazione dei giovani tra i 15 e i 29 anni tra il 2011 e
il 2012 e' aumentato di quasi 5 punti percentuali, dal 20,5 al 25,2%
(dal 31,4 al 37,3% nel Mezzogiorno); dal 2008 l'incremento e' di dieci
punti. Sono stati relativamente piu' colpiti i giovani con titolo di
studio piu' basso, in modo particolare quanti hanno al massimo la
licenza media (+5,2 punti). Il numero di studenti e' rimasto
sostanzialmente stabile attorno ai 4 milioni (il 41,5% dei 15-29enni;
3 milioni 849 mila nel 2008).

L'Italia ha la quota piu' alta d'Europa (23,9%) di giovani
15-29enni che non lavorano ne' frequentano corsi di istruzione o
formazione (i cosiddetti Neet, Not in Education, Employment or
Training). Si tratta di due milioni 250 mila giovani: il 40% e' alla
ricerca attiva di lavoro (49% tra gli uomini, 33,1% tra le donne),
circa un terzo appartiene alle forze di lavoro potenziali, nel
restante 29,4% sono inattivi che non cercano lavoro e non sono
disponibili a lavorare. Il numero di Neet tra il 2011 e il 2012 e'
aumentato del 4,4% (+21,1% dal 2008, pari a 391mila giovani), per
effetto della crescita della componente dei disoccupati (+23,4%,
equivalente a 172 mila unità in piu').

(Sec-Fin/Ct/Adnkronos)
22-MAG-13 11:01

NNNN