WELFARE: ISEE, ACCORDO DI MASSIMA REGIONI-GOVERNO SU NUOVO REGOLAMENTO

venerdì 24 maggio 2013



ZCZC
ADN0949 7 ECO 0 ADN ECO NAZ TUT

WELFARE: ISEE, ACCORDO DI MASSIMA REGIONI-GOVERNO SU NUOVO REGOLAMENTO =

Roma, 24 mag. (Adnkronos) - Raggiunto a Roma l'accordo di
massima fra Regioni e Governo sul nuovo regolamento concernente la
revisione delle modalita' di determinazione e i campi di applicazione
dell'Indicatore della Situazione Economica Equivalente (Isee). Lo fa
sapere in una nota la Regione Marche.

Presenti all'incontro sul tema, il ministro del Lavoro Enrico
Giovannini e il vice ministro Maria Cecilia Guerra. L'accordo si avvia
a conclusione dopo circa un anno di difficili trattative. La Regione
Marche, rappresentata dall'assessore Luca Marconi, si e' battuta
perche' si allargasse lo spazio di autonomia regionale nella
determinazione di regole e programmazione delle politiche sociali
relative all'Isee ed entrasse il patrimonio nel calcolo del reddito
(per un 20%) e perche' fossero allargate le fasce delle varie scale di
equivalenza, in modo da favorire il piu' possibile le famiglie
numerose.

"Questi punti - fa sapere la Regione Marche - sono stati tutti
sostanzialmente recepiti, con particolare riferimento all'indicazione
riportata sul decreto che prevede che il calcolo Isee sia fissato su
base nazionale trattandosi di un livello essenziale da garantire, in
maniera equa, su tutto il territorio, fatte salve pero' le competenze
regionali in materia di normazione, programmazione e gestione delle
politiche sociali e sociosanitarie". (segue)

(Rre/Col/Adnkronos)
24-MAG-13 16:49

NNNN
ZCZC
ADN0957 6 ECO 0 ADN ECO NAZ TUT

WELFARE: ISEE, ACCORDO DI MASSIMA REGIONI-GOVERNO SU NUOVO REGOLAMENTO (2) =

(Adnkronos) - "Ancora debole, invece, il riconoscimento dei
figli all'interno del nucleo, anche se la battaglia andra' sempre piu'
portata a livello di bilancio statale, affinche' le famiglie piu'
numerose e a basso reddito ottengano l'esonero totale dal pagamento
dei servizi sociali fondamentali", osserva la Regione Marche.

"Resta aperta la questione della compartecipazione ai costi da
parte della famiglia di appartenenza, come nel caso degli anziani non
autosufficienti ricoverati in residenza protetta - conclude - su cui
il decreto prevede tipologie differenziate di agevolazioni che
intervengono a copertura di attuali lacune normative".

(Rre/Col/Adnkronos)
24-MAG-13 16:52

NNNN