LAVORO: ASSESSORE PUGLIA, SU AMMORTIZZATORI ANCORA NESSUNA RISPOSTA DA GOVERNO

venerdì 31 maggio 2013


ZCZC ADN1418 4 ECO 0 ADN ECO NAZ RPU

 

Bari, 31 mag. - (Adnkronos) - ''Ancora una volta per il tema degli ammortizzatori sociali in deroga non ci sono risposte dal governo''. Lo ha affermato l'assessore al Lavoro della Regione Puglia, Leo Caroli, al termine dell'incontro a Roma di tutti gli assessori regionali al settore con il ministro Giovannini. ''Non c'e' certezza di risorse per il rifinanziamento - ha proseguito - perche' ci sono 288 milioni provenienti dall'ex fondo Fas, che e' cofinanziato dalle regioni meridionali e che quindi sarebbe a rischio. Dopo i ripetuti annunci da parte del governo sullo sblocco degli ammortizzatori sociali - ha proseguito - i lavoratori pensano che i fondi siano gia' nella disponibilita' dell'Inps per il pagamento. Non e' vero: mancano le certezze e quindi anche i fondi sembrano del tutto virtuali".

"Infatti - ha continuato Caroli - nel caso dell'attingimento dai fondi ex Fas, stanziati soprattutto per il Mezzogiorno: non e' chiaro se questi saranno ripartiti tra tutte le 20 regioni. Nel caso, arriveremmo al paradosso, ad esempio, che con i fondi gia' stanziati per lo sviluppo della Puglia si finanzierebbe la Cigs per la Lombardia. Non si capisce se al contrario i fondi ex Fas ritornino invece nella disponibilita' delle sole regioni meridionali: tutto cio' alimenta l'incertezza su modalita' e tempi. Altre risorse inoltre - ha proseguito -sarebbero prese dai fondi per la produttivita' e per la formazione: ancora non c'e' alcuna certezza su tempi e modi".

"La Regione Puglia ha comunque chiesto chiarezza sul coinvolgimento della conferenza delle Regioni sulle decisioni e sui nuovi criteri di redistribuzione, visto anche che si tende a stringere le maglie dei trattamenti di mobilita' per favorire la Cigs: ricordiamo che sono molti i lavoratori pugliesi in mobilita', rispetto a quelli in Cigs di altre regioni. Anche l'unica nota positiva, l'impegno del Governo a sanare lo sbilancio del 2012 per i trattamenti autorizzati - ha concluso - resta con un punto interrogativo, perche' non e' chiaro con quali risorse si possa pagare''.

(Pas/Zn/Adnkronos) 31-MAG-13 20:04

NNNN