[agenzie] Lavoro: Simoncini su ammortizzatori sociali in deroga. Regioni in audizione parlamentare e poi primo incontro con il Ministro Giovannini

venerdì 31 maggio 2013


[agenzie] -

ZCZC2744/SX4 XCI13419 B POL S04 QBXI ++ LAVORO: REGIONI, PER AMMORTIZZATORI SERVE 1 MILIARDO ++ 11 REGIONI SENZA LE RISORSE HANNO BLOCCATO AUTORIZZAZIONI A INPS    (ANSA) - ROMA, 31 MAG - Serve almeno 1miliardo per consentire di erogare gli ammortizzatori sociali: gia' 11 tra Regioni e Province autonome hanno terminato le risorse e bloccato le autorizzazioni all'Inps per erogare nuove somme. Lo ha detto il coordinatore al Lavoro della Conferenza delle Regioni,Gianfranco Simoncini, alla commissione Lavoro della Camera. (ANSA).

     VR 31-MAG-13 12:29 NNN ZCZC AGI0332 3 ECO 0 R01 /

CIG IN DEROGA: REGIONI, MANCA ALMENO 1 MLD PER IL 2013 = (AGI) - Roma, 31 mag. - "Manca almeno un miliardo di euro per il 2013" per coprire il fabbisogno della cassa in deroga. A dirlo e' il coordinatore degli assessori al Lavo per la Conferenza delle Regioni, Gianfranco Simoncini, durante l'audizione davanti alle commissioni Lavoro e Finanze della Camera per il dl Imu-Cig. (AGI)

Rmm/Chi/Pit 311235 MAG 13

NNNN ZCZC3066/SX4 XCI13685 R POL S04 QBXI LAVORO: REGIONI, PER AMMORTIZZATORI SERVE 1 MILIARDO (2)

   (ANSA) - ROMA, 31 MAG - Anche con l'ultimo decreto approvato dal Governo Letta che stanzia risorse per circa 1 miliardo per la Cig in deroga - soldi che pero' non sono ancora nelle casse delle Regioni - queste ultime riuscirebbero a pagare i lavoratori in cassa integrazione in deroga solo fino a luglio, hanno spiegato gli assessori alla commissione Lavoro e Finanze della Camera.    ''Ad oggi - ha spiegato l'assessore Simoncini - abbiamo richieste per oltre 2 miliardi e mezzo ma risorse solo per 1 miliardo e 700 milioni, comprendendo anche i 288 milioni di fondi europei attinenti il Piano d'Azione e di Coesione. Risorse, queste ultime, che dovevano essere aggiuntive e non sostitutive agli interventi per gli ammortizzatori sociali''. Complessivamente, secondo le Regioni, a fine 2013 per gli ammortizzatori sociali serviranno 3 miliardi, mentre 2 miliardi e 400 milioni sono le risorse necessarie a coprire il 2012. La richiesta di ammortizzatori, quest'anno, e' infatti aumentata almeno del 30%.     Simoncini ha chiesto ''che i requisiti per accedere alla cassa integrazione siano universalistici: non e' giusto che i dipendenti di aziende superiori ai 15 lavoratori abbiano tutele e quelli inferiori a questa cifra no''. Oltre il 90% delle aziende in Italia ha meno di 19 dipendenti, con il 70% dei lavoratori. Infine, e' stato sollevato il problema della copertura degli ammortizzatori sociali in deroga per il 2012: tutt'ora mancano le risorse per coprire l'intero anno. (ANSA).

     VR 31-MAG-13 12:47 NNN ZCZC DIR0185 3 POL  0 RR1 / DIR 

CIG. REGIONI: PER IL 2013 MANCA ALMENO UN MILIARDO

(DIRE) Roma, 31 mag. - "Manca almeno un miliardo di euro per il 2013" per coprire il fabbisogno della cassa in deroga. Lo dice il coordinatore degli assessori al Lavoro per la Conferenza delle Regioni, Gianfranco Simoncini, nel corso dell'audizione davanti alle commissioni Lavoro e Finanze della Camera sul decreto Imu-Cig.

  (Pol/ Dire) 12:49 31-05-13

NNNN

NNNN ZCZC3249/SX4 XCI13806 R POL S04 QBXI LAVORO: REGIONI OGGI INCONTRANO MINISTRO GIOVANNINI SIMONCINI, CAMBIARE NORME SU STATUS DISOCCUPATO    (ANSA) - ROMA, 31 MAG - Oggi alle ore 15 una delegazione di assessori al Lavoro, guidata dal coordinatore degli assessori al Lavoro della Conferenza delle Regioni, Gianfranco Simoncini, assessore in Toscana, sara' ricevuta dal ministro del Lavoro e del Welfare Enrico Giovannini.     Accanto alle necessita' di un adeguato finanziamento degli ammortizzatori sociali in deroga le Regioni vogliono porre al centro del confronto politico il "ripensamento" complessivo degli ammortizzatori sociali. A questo proposito Simoncini ha inviato nei giorni scorsi al ministro Giovannini una lettera con cui ha manifestato l'urgenza di cambiare le norme sullo status di disoccupato. La legge Fornero ha escluso la possibilita' di conservare lo stato di disoccupazione per coloro che, pur non avendo un rapporto di lavoro subordinato, hanno comunque lavorato con forme contrattuali parasubordinate, part time o autonome, indipendentemente dal reddito percepito. Una esclusione che, se non sara' modificata, scrive l'assessore, "produrra' notevoli effetti negativi dal punto di vista sociale, anche perche' lo stato di disoccupazione e' il presupposto per una serie di agevolazioni e benefici, sia statali che regionali, come l'indennita' previdenziale o l'esenzione dalle spese sanitarie". Inoltre, secondo Simoncini, ''la nuova disciplina rischia di tradursi in un incentivo per i lavoratori disoccupati ad accettare occasioni di lavoro non regolare, in modo da non perdere lo status di disoccupato".    Le Regioni, che avevano qualche settimana fa gia' sollecitato un intervento del Governo, avevano anche deciso di posticipare il recepimento del decreto attuativo della norma al 30 giugno.      Ora la questione viene posta nuovamente con urgenza. All'orizzonte c'e' anche il problema del futuro assetto dei Centri per l'impiego, anche in relazione alle riforme che toccheranno le Province. (ANSA).

     VR 31-MAG-13 12:57 NNN ZCZC AGI0377 3 ECO 0 R01 /

CIG IN DEROGA: REGIONI, MANCA ALMENO 1 MLD PER IL 2013 (2)= (AGI) - Roma, 31 mag. - Simoncini ha spiegato che, con l'ultimo decreto in materia varato dal Governo, "le risorse messe a disposizione per la cassa integrazione in deroga ammontano circa 1,5 miliardi" e permetteranno alle Regioni di erogare gli assegni "massimo fino a giugno", mentre per avere denaro sufficiente per arrivare alla fine del 2013 occorre' almeno un altro miliardo. L'assessore al Lavoro della Regione Toscana ha aggiunto che "a oggi le Regioni hanno ricevuto richieste per oltre 2,5 miliardi" e che nel 2012 furono assegnati 2,4 miliardi, ma che le richieste, secondo le prime stime, sarebbero quest'anno in crescita del 50-60 per cento. (AGI)  <br/>   Rmm/Ila 311303 MAG 13

NNNN ZCZC AGI0414 3 ECO 0 R01 /

CIG IN DEROGA: REGIONI, SERVE RIFORMA SISTEMA AMMORTIZZATORI = (AGI) - Roma, 31 mag. - "Chiediamo che requisiti per accedere alla cassa integrazione siano universalistici, senza alcuna differenza per le azionde al di sopra oal di sotto dei 15 dipendenti". A fare la richiesta e' il coordinatore degli assessori al Lavoro per la Conferenza delle Regioni, Gianfranco Simoncini, durante l'audizione davanti alle commissioni Lavoro e Finanze della Camera per il dl Imu-Cig. "Non e' giusto che i dipendenti di aziende superiori ai 15 lavoratori abbiano tutele e quelli inferiori a questa cifra no", aggiunge Simoncini ricordando che oltre il 90% delle aziende in Italia ha meno di 19 dipendenti, occupando circa il 70% dei lavoratori. L'assessore al Lavoro della Regione Toscana ha poi sottolineato la necessita' di vedre anche l'uso dello strumento della mobilita', affinche sia piu' omogeneo sul territorio, visto le forti differenze nel suo utilizzo tra Nord e Sud. (AGI) Rmm/Pit 311311 MAG 13

NNNN ZCZC8493/SX4 XCI19770 R POL S04 QBXI LAVORO: REGIONI, INSODDISFATTI DA RISPOSTE MINISTERO LAVORO SIMONCINI, NESSUNA CERTEZZA SUI TEMPI SBLOCCO 1 MLD PER CIG    (ANSA) - ROMA, 31 MAG - ''Siamo seriamente preoccupati: il ministro Giovannini non ci ha dato alcuna certezza sui tempi in cui il miliardo per la cassa integrazione in deroga, previsto dal decreto legge del Governo il 17 maggio scorso, arrivera' nelle casse delle Regioni''. Il coordinatore degli assessori regionali al Lavoro e assessore in Toscana Gianfranco Simoncini lascia insoddisfatto, con i colleghi, il ministero del Lavoro dopo l'incontro con il ministro Giovannini.     ''E' stato avviato - spiega - un percorso positivo sulla questione della revisione complessiva degli ammortizzatori sociali, sul job guarantee, sui Centri per l'impiego. Ma sui tempi di erogazione alle Regioni del miliardo per la Cig, la risposta e' stata preoccupante: il rischio e' che prima di vedere quei soldi passino settimane. E a tutto questo si aggiunge l'effetto annuncio: i lavoratori credono che vi sia stato uno sblocco di risorse che le Regioni invece non hanno''.     Gia' 11 tra Regioni e Province autonome hanno terminato le risorse e bloccato le autorizzazioni all'Inps per erogare nuove somme. Cio' significa che senza l'arrivo dei nuovi fondi alle Regioni nei prossimi mesi moltissimi lavoratori in cassa integrazione in deroga si troveranno senza sussidio. La cassa in deroga e' per i lavoratori di aziende che hanno meno di 15 dipendenti. Oltre il 90% delle aziende in Italia ha meno di 19 dipendenti e concentra il 70% dei lavoratori. (ANSA).

     VR 31-MAG-13 18:33 NNN ZCZC8694/SX4 XCI20067 R POL S04 QBXI >ANSA-FOCUS/ LAVORO: REGIONI, SERVE 1MLD PER AMMORTIZZATORI ASSESSORI, SITUAZIONE PREOCCUPANTE. 11 REGIONI SENZA PIU' FONDI    (di Valentina Roncati)    (ANSA) - ROMA, 31 MAG - Serve almeno 1 miliardo per consentire di erogare gli ammortizzatori sociali: gia' 11 tra Regioni e Province autonome hanno terminato le risorse e bloccato le autorizzazioni all'Inps per erogare nuove somme ai lavoratori che hanno perso il posto. L'allarme e' arrivato oggi dal coordinatore al Lavoro della Conferenza delle Regioni, Gianfranco Simoncini, in audizione, con gli assessori al Lavoro di tutte le Regioni, davanti alla commissione Lavoro della Camera.    Anche con l'ultimo decreto approvato dal Governo Letta che stanzia risorse per circa 1 miliardo per la Cig in deroga - soldi che pero' non sono ancora nelle casse delle Regioni - queste ultime riuscirebbero a pagare i lavoratori in cassa integrazione in deroga solo fino a luglio, hanno spiegato gli assessori alla commissione Lavoro e Finanze della Camera.    "Ad oggi - ha spiegato l'assessore Simoncini - abbiamo richieste per oltre 2 miliardi e mezzo ma risorse solo per 1 miliardo e 700 milioni, comprendendo anche i 288 milioni di fondi europei attinenti il Piano d'Azione e di Coesione. Risorse, queste ultime, che dovevano essere aggiuntive e non sostitutive agli interventi per gli ammortizzatori sociali". Complessivamente, secondo le Regioni, a fine 2013 per gli ammortizzatori sociali serviranno 3 miliardi, mentre 2 miliardi e 400 milioni sono le risorse necessarie a coprire il 2012. La richiesta di ammortizzatori, quest'anno, e' infatti aumentata almeno del 30%. Il problema e' che, anche il miliardo previsto da un decreto del Governo Letta il 17 maggio scorso, non si sa quando arrivera' nelle casse delle Regioni. ''Siamo preoccupati per i tempi - ha detto Simoncini, che ha incontrato il ministro del Lavoro Giovannini -  e la risposta che ci e' stata data ci lascia insoddisfatti: potrebbero passare settimane e intanto, con l'effetto annuncio, i lavoratori credono che le Regioni hanno risorse che in realta' non sono mai arrivate''.      Nell'incontro con il ministro Giovannini si e' parlato anche di apprendistato, Centri per l'Impiego, anche in relazione alle riforme che riguarderanno le Province, ritardi nei pagamenti da parte dell'Inps, disoccupazione giovanile, sulla quale il Governo ha una forte volonta' di incidere, job guarantee.     ''Il lavoro - ha dichiarato il presidente della Conferenza delle Regioni, Vasco Errani - rappresenta una priorita' nell'agenda della Conferenza delle Regioni. Abbiamo espresso la massima disponibilita' ad un tavolo comune con il Governo e con le parti sociali per dar vita ad un'azione strategica e affrontare l'emergenza disoccupazione, soprattutto in ambito giovanile''.    All'incontro di oggi al ministero del Lavoro ne seguiranno altri, che sono gia' stati fissati, per sviscerare meglio i problemi e cercare soluzioni. (ANSA).

     VR 31-MAG-13 18:44 NNN