Coletto, in Patto Salute piu' potere ministero nodi economici 'Tempi stretti, chiuderemo entro febbraio'

giovedì 16 gennaio 2014


ZCZC4576/SX4 XRR13071 R CRO S04 QBXI (ANSA) - ROMA, 16 GEN - L'obiettivo, nel prossimo Patto della Salute, del rafforzamento del potere di controllo da parte del ministero della Salute, significa "potere di intervenire soprattutto sulle questioni economiche". Lo ha spiegato il coordinatore degli assessori alla Sanita', Luca Coletto, al termine dell'incontro con il ministro della Salute, Beatrice Lorenzin, presso il dicastero, per la ripresa dei lavori in vista della definizione del nuovo Patto della Salute.    Questo, ha chiarito Coletto, "potrebbe servire per accompagnare meglio chi e' in difficolta' verso il risanamento. Quindi - ha precisato - non la vedo come una prevaricazione del Titolo V, bensi' come una cogestione per migliorare le situazioni". La questione, ha ribadito, "credo si ponga soprattutto dal punto di vista economico, perche' quando ci sono sbilanci eccessivi e nessun tipo di intervento da parte dei commissari, continuare su questa strada aggrava i bilanci e non permette un recupero da parte delle Regioni".    C'e' dunque, ha detto, "la volonta' di collaborare in maniera piu' importante". Detto questo, ha tenuto a precisare Coletto, "non e' che il federalismo sanitario abbia fatto male, perche' ci sono Regioni in attivo, ma certe non riescono e quindi un intervento forte del governo sarebbe anche auspicabile per risolvere determinate situazioni".    Quanto alla tempistica, ha concluso Coletto, "abbiamo tempi molto stretti, con incontri gia' dalla prossima settimana. Chiuderemo il Patto della Salute entro febbraio".(ANSA).

     CR/FV 16-GEN-14 15:08 NNN