[agenzie] Riforme: Chiamparino in audizione al senato

giovedì 10 settembre 2015


[agenzie] -


Chiamparino: nel nuovo Senato entrino di diritto i Governatori
ZCZC
TM News
PN_20150910_00928
4 pol gn00 in02 XFLA XFLT

Chiamparino: nel nuovo Senato entrino di diritto i Governatori
E' unica via perchè sia davvero Camera espressione dei territori

Roma, 10 set. (askanews) - Perchè il Senato diventi davvero la
Camera delle autonomie territoriali dovrebbero farne parte di
diritto "i presidenti di regione e i sindaci delle città
metropolitane". Lo ha detto Sergio Chiamparino, governatore del
Piemonte intervenendo in audizione in commissione Affari
costituzionali al Senato nell'ambito dell'indagine conoscitiva
sulla riforma costituzionale.Chiamparino ha precisato di parlare in
 qualità di "presidente
della Regione Piemonte" e non di presidente della Conferenza
delle Regioni. "Credo vada colta questa occasione in cui si
intravede la lungimiranza politica di un disegno che mira a
superare il bicameralismo affiancando alla Camera che da'
rappresentanza politica al paese una camera che esprima
compiutamente il punto di vista dei territori, che è cosa diversa
dal pluralismo politico - ha detto -. Nello scegliere questo
modello bisognerebbe avvicinarsi il più possibile verso i modelli
europei che funzionano meglio, ma mi pare ci siano ancora
elementi ibridi che rischiano di pregiudicare la potenzialità
innovativa del sistema che si è scelto. La questione di fondo -
ha aggiunto - è distinguere tra ciò che rappresenta il pluralismo
politico locale e che finirà per rispondere al pluralismo
politico nazionale, dall'espressione del punto di vista dei
territori. Perciò una forma compiuta sarebbe la presenza nel
Senato degli esecutivi delle regioni e delle città metropolitane
così il vincolo di mandato territoriale sarebbe garantito"."In mancanza
 di questo - ha concluso Chiamparino - almeno la
presenza di diritto dei presidenti di regione e dei sindaci delle
città metropolitane avvicinerebbe a questa esigenza. Se si
andasse in questa direzione si potrebbe aprire concretamente il
tema della eliminazione di tutte le conferenze che è una delle
iperbole burocratiche del nostro sistema".

Gal

@#20150910_145745_C1F5BEBA.jpg
Copyright TM News(c) 2011

10-set-15 14.57
NNNN
PPA0085 4 POL NG01 338 ITA0085;
RIFORME, CHIAMPARINO: SERVE CAMERA CHE ESPRIMA RAPPRESENTANZA DEI TERRITORI

 

(Public Policy) - Roma, 10 set - "Serve una Camera che
esprima compiutamente la rappresentanza dei territori, che è
cosa diversa dal pluralismo politico dei territori stessi".
A dirlo, in audizione in commissione Affari costituzionali
al Senato, il presidente della Regione Piemonte, Sergio
Chiamparino. (Public Policy)

@PPolicy_News

SOR

101454 Set 2015

PPA0087 4 POL NG01 501 ITA0087;
RIFORME, CHIAMPARINO: DIVISIONE COMPETENZE POLITICHE ATTIVE È STRUMENTO MONCO

 

(Public Policy) - Roma, 10 set - Il testo attuale del ddl
Riforme "introduce un''asimmetria poco virtuosa, quando viene
previsto che la potestà legislativa esclusiva sulle
politiche attive viene data allo Stato, lasciando però che
la formazione professionale sia ripartita come materia
concorrente. Questa scissione potrebbe essere monca".
A dirlo, in audizione in commissione Affari costituzionali
al Senato, il presidente della Regione Piemonte, Sergio
Chiamparino. (Public Policy)

@PPolicy_News

SOR

101503 Set 2015

PPA0088 4 POL NG01 712 ITA0088;
DDL RIFORME, CHIAMPARINO: GOVERNATORI ENTRINO NEL NUOVO SENATO

 

(Public Policy) - Roma, 10 set - La presenza nel futuro
Senato di tutti i presidenti delle giunte Regionali e dei
sindaci delle Città metropolitane "si avvicinerebbe
all''esigenza" di avere "una piena rappresentanza di
territori".
A dirlo, in audizione in commissione Affari costituzionali
al Senato, il presidente della Regione Piemonte, Sergio
Chiamparino.
"Va colta questa occasione - ha aggiunto - in cui si
intravede la lungimiranza politica di un disegno che mira a
superare il bicameralismo affiancando alla Camera che dà
rappresentanza politica al paese una camera che esprima
compiutamente il punto di vista dei territori, che è cosa
diversa dal pluralismo politico". (Public Policy)

@PPolicy_News

SOR

101504 Set 2015

ZCZC3774/SXA
XPP82860_SXA_QBXB
R POL S0A QBXB
Riforme: Chiamparino, in Senato siedano presidenti Regione
Siano rappresentati esecutivi e sindaci aree metropolitane
   (ANSA) - ROMA, 10 SET - "Va colta questa occasione in cui si
vede lungimiranza politica, di superare il bicameralismo
perfetto con una Camera che esprima compiutamente il punto di
vista dei territori". Per questa ragione nel nuovo Senato
dovrebbero "esserci gli esecutivi regionali". Lo dice Sergio
Chiamparino, presidente del Piemonte, nel corso della sua
audizione in commissione Affari costituzionali al Senato.
   "La presenza dei presidenti di Regione e dei sindaci delle
aree metropolitane avvicinerebbe all'esigenza" di rappresentanza
nel nuovo Senato degli esecutivi regionali, ferma restando una
"rappresentanza delle minoranze", osserva Chiamparino.
   Nell'attuale testo del ddl costituzionale "ci sono ancora
degli elementi ibridi che rischiano di pregiudicare la
potenzialità innovativa del sistema che si è scelto", fa notare
Chiamparino. "La questione di fondo è distinguere tra il punto
di vista dei territori e invece una rappresentanza del
pluralismo politico locale che finirebbe per rispondere al
pluralismo politico nazionale".
   "Se si andasse invece nella direzione della rappresentanza
degli esecutivi regionali si potrebbe aprire concretamente il
tema della eliminazione di tutte le conferenze" tra Stato e
Regioni, "che sono una delle iperboli burocratiche del nostro
sistema".(ANSA).

     MAT
10-SET-15 15:09 NNN
PPA0089 4 POL NG01 410 ITA0089;
DDL RIFORME, CHIAMPARINO: CON SENATO TERRITORI VIA TUTTE LE CONFERENZE

 

(Public Policy) - Roma, 10 set -  Un Senato dei territori
(vedi Public Policy "DDL RIFORME...", delle 14,54) potrebbe
"aprire concretamente il tema dell''eliminazione di tutte le
Conferenze che è una delle iperbole burocratiche del nostro
sistema".
A dirlo, in audizione in commissione Affari costituzionali
al Senato, il presidente della Regione Piemonte, Sergio
Chiamparino. (Public Policy)

@PPolicy_News

SOR

101508 Set 2015

= Riforme: Chiamparino 'lancia' presenza Governatori in Senato =
ZCZC
AGI0282 3 POL 0 R01 /

== Riforme: Chiamparino 'lancia' presenza Governatori in Senato =
(AGI) - Roma, 10 set.  - "Credo che vada colta questa occasione
in cui si intravede la lungimiranza politica" di un ddl che
mira a "superare il bicameralismo" e a istituire una Camera
"che esprima compiutamente il punto di vista dei territori". Lo
ha detto Sergio Chiamparino, presidente della Regione Piemonte,
davanti alla commissione Affari costituzionali del Senato, a
proposito delle Riforme all'esame di Palazzo Madama.
    "A me sembra che la questione di fondo sia distinguere cio'
che rappresenta il pluralismo politico locale, che finira' per
rispondere a quello nazionale, da quello che e' il punto di
vista di territori", ha aggiunto.
    E cio' potrebbe verificarsi se nel nuovo Senato vi fosse
"la presenza degli esecutivi delle regioni e una rappresentanza
delle minoranze territoriali. In mancanza di questo credo che
la presenza di diritto dei presidenti e dei sindaci di citta'
metropolitane" farebbe si' che la nuova Camera "rappresenti i
territori".
    "Se si andasse in questa direzione si potrebbe aprire il
tema delle eliminazione di tutte le conferenze" ( Stato Regioni
e unificate ndr) che rappresentano  "una delle iperboli
burocratiche del nostro sistema".(AGI)
Mao
101517 SET 15

NNNN
ZCZC
DIR0290 3 POL  0 RR1 / DIR 

RIFORME. CHIAMPARINO: NEL NUOVO SENATO ANCHE I PRESIDENTI DELLE REGIONI
AUDIZIONE IN COMMISSIONE AFFARI COSTITUZIONALI SUL DDL BOSCHI

(DIRE) Roma, 10 set. - Nel nuovo Senato occorre anche "la
presenza degli esecutivi delle Regioni e delle Citta'
metropolitane, questa sarebbe la garanzia che quel vincolo di
mandato elettorale" con i territori. Lo dice il presidente della
Regione Piemonte, oltre che presidente della Conferenza delle
Regioni, Sergio Chiamparino, durante l'audizione in commissione
Affari costituzionali al Senato sul ddl Boschi per le riforme che
rivede anche il Titolo V delle Costituzione.
   La "presenza di diritto dei presidenti e dei sindaci delle
citta' metropolitane- sottolinea Chiamparino- farebbe si' che
questa Camera coincida davvero con i territori" e "se si andasse
in questa direzione si potrebbe aprire il tema dell'eliminazione
di tutte le Conferenze che e' una delle iperbole democratiche di
tutto il nostro sistema".
   Chiamparino dopo avere premesso di parlare in qualita' di
"presidente della Regione Piemonte", commentando l'impianto del
ddl Boschi, ha aggiunto: "Io credo che vada colta questa
occasione in cui si intravede la lungimiranza politica di un
testo che mira a eliminare il bicameralismo, con una Camera che
da' la fiducia e una Camera che esprima compiutamente il punto di
vista dei territori che e' cosa diversa dal punto di vista del
pluralismo politico che esiste sui territori. Io penso che nel
scegliere questo modello occorre cercare di avvicinarsi il piu'
possibile verso i modelli che sembrano funzionare meglio" in
Europa, "qui mi pare- conclude l'esponente del Pd- che ci siano
ancora degli elementi ibridi che rischiano di pregiudicare la
potenzialita' innovativa del progetto che si e' scelto".
  (Mar/ Dire)
15:24 10-09-15

NNNN


NNNN
ZCZC
DIR0300 3 POL  0 RR1 / DIR 

CHIAMPARINO: SENATORI SCELTI DA CONSIGLI REGIONI LEGATI A PARTITI


(DIRE) Roma, 10 set. - "Se si mantiene una impostazione in cui i
Consigli regionali eleggono" i nuovo senatori "tra i consiglieri
regionali, l'esito sara' che gli eletti risponderanno a delle
logiche di appartenenza politica". Lo dice il presidente della
Regione Piemonte, oltre che presidente della Conferenza delle
Regioni, Sergio Chiamparino, durante l'audizione in commissione
Affari costituzionali al Senato sul ddl Boschi per le riforme che
rivede anche il Titolo V delle Costituzione.
  (Mar/ Dire)
15:33 10-09-15

NNNN


NNNN
ZCZC4190/SXA
XPP83287_SXA_QBXB
R POL S0A QBXB
Riforme: Chiamparino, a Stato livelli essenziali prestazioni

   (ANSA) - ROMA, 10 SET - Il testo del ddl costituzionale
"introduce un'asimmetria poco virtuosa, quando viene previsto
che la potestà legislativa esclusiva sulle politiche attive del
lavoro viene data allo Stato, lasciando però che la formazione
professionale sia ripartita come materia concorrente. Questa
scissione potrebbe essere monca". Lo afferma il presidente del
Piemonte Sergio Chiamparino nel corso della sua audizione in
commissione Affari costituzionali al Senato.
   "Qui c'è davvero l'occasione di riscrivere un pezzo
dell'assetto regionale italiano anche affrontando il tema
delicato delle regioni a statuto speciale", sottolinea
Chiamparino. "Per tutte le materie non di esclusiva competenza
statale dovremmo avere una sorta di livelli essenziali di
prestazione definiti dallo Stato e su cui il Senato delle
regioni avrebbe il suo ruolo principale. Lo Stato dovrebbe
esercitare un potere sostitutivo laddove quei livelli vengano
negati ma le Regioni che dimostrino di essere in grado di
assumersi più responsabilità e finanziarle, possano farlo".
   Infine, sostiene Chiamparino, "varrebbe la pena trovare il
modo per prevedere in Costituzione procedure di semplificazione
dei processi di aggregazione tra Regioni".
(ANSA).

     MAT
10-SET-15 15:37 NNN
PPA0094 4 POL NG01 361 ITA0094;
RIFORME, CHIAMPARINO: SE ELETTI DAI CONSIGLI, SENATORI RISPONDERANNO A PARTITI

 

(Public Policy) - Roma, 10 set - "Se viene mantenuta
l''impostazione in cui i Consigli regionali eleggono" i
futuri senatori "tra i consiglieri, l''esito sarà che gli
eletti risponderanno ai partiti".
A dirlo, in audizione in commissione Affari costituzionali
al Senato, il presidente della Regione Piemonte, Sergio
Chiamparino. (Public Policy)

@PPolicy_News

SOR

101541 Set 2015

ZCZC
AGI0315 3 POL 0 R01 /

Senato: Chiamparino, eletti da Consigli risponderanno a partiti =
(AGI) - Roma, 10 set. - La modalita' di elezione dei futuri
senatori "a me non sembra cambi la sostanza". Lo ha detto il
presidente del Piemonte, Sergio Chiamparino. "Se si mantiene
una impostazione per cui i consigli regionali scelgono",
l'esito sara' che i futuri senatori "rispondono alle logiche
dei partiti", ha osservato. (AGI)
Mao
101600 SET 15

NNNN