Europa-Regioni:D'Alfonso, trivelle, serve posizione comune

giovedì 15 ottobre 2015



ZCZC7046/SX4
OBX00076_SX4_QBXI
R POL S04 QBXI

Si vada verso il 'no' oppure ad allontanamento da costa
   (ANSA) - BRUXELLES, 15 OTT - "Dobbiamo allineare le procedure
italiane, le procedure croate e di tutti gli Stati bagnati
dall'Adriatico per avere una condotta univoca rispetto
all'offesa del mare tramite le trivelle". Questa la proposta del
governatore dell'Abruzzo, Luciano D'Alfonso, in occasione
dell'incontro 'La macroregione Adriatico-Ionica per lavoro e
crescita' tenuta a Bruxelles in occasione della Settimana
dedicata a città e regioni, promossa da Commissione europea e
Comitato delle Regioni Ue.
   "La strategia della macroregione Adriatico-Ionica, assumendo
come pilastro la tutela del mare e dell'economia blu, serve
anche a difendere il mare" ha ricordato D'Alfonso. Di
conseguenza "dobbiamo rimettere in discussione la negazione
della bellezza che avviene se si fanno ricerche petrolifere a
sei miglia (di distanza dalla costa, ndr)" ha aggiunto il
governatore dell'Abruzzo. La questione trivelle interessa in
particolare "anche la Croazia, dove ci sono 29 procedure in
istruttoria" ha  detto D'Alfonso.
   In sostanza, con tutte le aree coinvolte "dobbiamo trovare un
punto comune: che significhi o il 'no' oppure il modo di
allontanarle il più possibile, oltre le dodici miglia" ha
concluso il governatore dell'Abruzzo, che fa parte delle dieci
regioni che hanno depositato la richiesta di un referendum
contro le trivellazioni entro le 12 miglia e sul territorio.
(ANSA)

     XWLI
15-OTT-15 17:56 NNN