Riforma sistema nazionale istruzione e formazione: Sentenza 284/2016 Corte Costituzionale

giovedì 22 dicembre 2016


Corte Costituzionale

Pubblicata sul sito la Sentenza n. 284/2016 del 22 novembre 2016, depositata il 21 dicembre 2016

Norme impugnate: Art. 1, c. 29°, 44°, 47°, 66°, 68°, 69°, 74°, 126°, 153°, 155°, 162°, 171°, 180°, 181° e 183°, della legge 13/07/2015, n. 107.

Oggetto:  Istruzione - Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione - Previsione che l'offerta formativa dei percorsi di istruzione e formazione professionale è definita dal Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca; Previsione che, con decreto del Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, sono emanate linee guida per conseguire specifici obiettivi, tra i quali quello di prevedere che le fondazioni possono attivare nel territorio provinciale altri percorsi di formazione, anche in filiere diverse; Norme concernenti la rete scolastica e il dimensionamento degli istituti; Previsione che il Governo è delegato ad adottare decreti legislativi al fine di provvedere al riordino, alla semplificazione e alla codificazione delle disposizioni legislative in materia di istruzione - Indicazione dei principi e criteri direttivi da adottare nei suddetti decreti legislativi Istruzione - Riforma del sistema nazionale di istruzione e formazione - Previsione che il dirigente scolastico, di concerto con gli organi collegiali, può individuare percorsi formativi e iniziative diretti all'orientamento e a garantire un maggiore coinvolgimento degli studenti nonché la valorizzazione del merito scolastico e dei talenti; Previsione che, con decreto del Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, sono emanate linee guida al fine di favorire le misure di semplificazione e di promozione degli istituti tecnici superiori, in vista della realizzazione di specifici obiettivi; Previsione che gli uffici scolastici regionali definiscono l'ampiezza degli ambiti territoriali nei quali sono articolati i ruoli del personale docente - Criteri di individuazione degli ambiti territoriali; Previsione che, con decreto del dirigente preposto all'ufficio scolastico regionale, l'organico dell'autonomia è ripartito tra gli ambiti territoriali; Previsione che, con decreto del Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, è costituito annualmente un ulteriore contingente di posti non facenti parte dell'organico dell'autonomia, né disponibili, per il personale a tempo indeterminato, per operazioni di mobilità o assunzioni in ruolo; Definizione degli ambiti territoriali e delle reti; Istituzione di un fondo per la valorizzazione del merito del personale docente presso il Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca; Previsione che, al fine di favorire la costruzione di scuole innovative, il Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, con proprio decreto, d'intesa con la Struttura di missione per il coordinamento e impulso nell'attuazione di interventi di riqualificazione dell'edilizia scolastica, provvede a ripartire le risorse e ad individuare i criteri per l'acquisizione da parte delle Regioni delle manifestazioni di interesse degli enti locali proprietari delle aree oggetto di intervento e interessati alla costruzione di una scuola innovativa; Indizione, con decreto del Ministro dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, di una procedura concorsuale avente ad oggetto proposte progettuali relative a interventi di edilizia scolastica; Previsione che le Regioni sono tenute a fornire al Ministero dell'Istruzione, dell'Università e della Ricerca, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge, il monitoraggio completo dei piani di edilizia scolastica relativi alle annualità 2007, 2008 e 2009, finanziati ai sensi dell'articolo 1, comma 625, della legge n. 296 del 2006, pena la mancata successiva assegnazione di ulteriori risorse statali - Applicazione delle modalità analiticamente disciplinate dal d.lgs. n. 229 del 2011; Previsione che le Regioni sono tenute a fornire al Ministero dell'Istruzione, entro sessanta giorni dalla data di entrata in vigore della legge, il monitoraggio completo dei piani di edilizia scolastica relativi alle annualità 2007, 2008 e 2009, finanziati ai sensi dell'articolo 1, comma 625, della legge n. 296 del 2006, pena la mancata successiva assegnazione di ulteriori risorse statali - Previsione che le relative economie accertate all'esito del monitoraggio restano nella disponibilità delle Regioni per essere destinate a determinati interventi urgenti; Previsione che il Governo è delegato ad adottare, entro diciotto mesi dalla data di entrata in vigore della legge, un decreto legislativo per la istituzione del sistema integrato di educazione e di istruzione dalla nascita fino a sei anni - Previsione di determinati standard; Previsione che con uno o più decreti sono raccolte per materie omogenee le norme regolamentari vigenti negli ambiti di cui alla legge n. 107 del 2015.

Dispositivo:  illegittimità costituzionale - illegittimità costituzionale parziale - non fondatezza - inammissibilità

pronuncia_284_2016_istruzione_Riforma_sistema_naz_istruz_formazione_Veneto_Puglia.pdf