+T -T


Legge Stabilità 2016, infrastrutture energetiche strategiche, Regioni Veneto e Puglia: Sentenza 114 Corte Costituzionale.

venerdì 19 maggio 2017

Corte Costituzionale

Pubblicata sul sito la Sentenza n. 114/2017 dell’11 aprile 2017, depositata il 19 maggio 2017

Norme impugnate: Art. 1, c. 239° e 240°, lett. b) e c), e 241°, della legge 28/12/2015, n. 208.

Oggetto:   Bilancio e contabilità pubblica - Legge di stabilità 2016 - Autorizzazioni per le infrastrutture energetiche strategiche - Modificazione della disciplina delle modalità previste in caso di mancato raggiungimento delle intese in sede di rilascio del provvedimento autorizzatorio per le infrastrutture energetiche strategiche - Soppressione del riferimento alle modalità di cui all'art. 1, comma 8°-bis, della legge n. 239 del 2004. Energia - Legge di stabilità 2016 - Norme relative alla prospezione, ricerca e coltivazione di idrocarburi liquidi e gassosi - Divieto nelle zone di mare poste entro dodici miglia dalla costa o dalle aree marine e costiere protette - Prevista salvezza, per la durata di vita utile del giacimento, dei titoli abilitativi già rilasciati; Previsto svolgimento delle attività con le modalità di cui alla legge n. 9 del 1991 o a seguito del rilascio di un titolo concessorio unico; Limite di durata stabilito per il titolo concessorio unico [sei anni per la fase di ricerca e trenta per quella successiva di coltivazione, senza possibilità di proroghe]; Abrogazione della norma del d.l. n. 133 del 2014 relativa al piano delle aree in cui sono consentite le attività [da adottarsi con decreto del Ministro dello Sviluppo Economico, previa intesa per le attività sulla terraferma con la Conferenza unificata].

Dispositivo:  non fondatezza - inammissibilità

pronuncia_114_2017_Legge_Stabilità_2016_infrastru_energetiche_Reg_Veneto_Puglia.pdf