L. BILANCIO. REGIONI: IRRAGIONEVOLE SCADENZA 30 APRILE PER TAGLI

martedì 7 novembre 2017



ZCZC
DIR1068 3 POL  0 RR1 N/POL / DIR /TXT 

 


(DIRE) Roma, 7 nov. - La scadenza del 30 aprile per le Regioni
per il riparto del taglio da 300 milioni previsto in manovra "e'
incompatibile con la possibilita' di dare maggiori
spazi finanziari agli enti locali del proprio territorio per
investimenti attraverso le intese regionali con gli enti locali
il cui iter ha inizio il 15 gennaio". Lo sottolinea il
coordinatore degli assessori al Bilancio della Conferenza delle
Regioni, Massimo Garavaglia, in audizione sulla legge di bilancio
in Senato, sottolineando che cosi' si crea "l'impossibilita' di
programmazione finanziaria per un quadrimestre".
   Le Regioni chiedono quindi di armonizzare la scadenza per il
riparto del taglio al 31 gennaio". Il termine di definire i tagli
entro il 30 aprile, conclude, "e' irragionevole senza contare che
cio' inficia gli esiti delle intese regionali sul territorio e
ogni programmazione di spesa nel bilancio di previsione".
  (Tar/ Dire)
15:43 07-11-17

NNNN