AUTONOMIA: MARONI "PAGINA STORICA, NUOVO PERCORSO PER LOMBARDIA"

mercoledì 28 febbraio 2018


 


ZCZC IPN 235
POL --/T
AUTONOMIA: MARONI "PAGINA STORICA, NUOVO PERCORSO PER LOMBARDIA"
ROMA (ITALPRESS) - "Finalmente piu' autonomia alle Regioni, alla
Lombardia, al Veneto e all'Emilia Romagna. Sono molto soddisfatto
di concludere in bellezza la mia esperienza di 5 anni al governo
della regione Lombardia. E' scritto e non si torna indietro,
adesso bisogna completare il percorso che e' affidato al prossimo
governo e al prossimo governatore della Regione, ma c'e' scritto
nero su bianco. E' una pagina storica che apre un percorso nuovo
per la Lombardia per le regioni e per il sistema dell'autonomia".
Cosi' il governatore della Lombardia, Roberto Maroni, al termine
della firma dell'accordo preliminare tra Governo e Regioni Emilia
Romagna, Lombardia e Veneto sull'autonomia.
"Ringrazio i 3 milioni di lombardi che ci hanno creduto, senza di
loro non saremmo arrivati ad oggi senza il referendum. Senza i 3
milioni di lombardi e i due milioni e mezzo di veneti - aggiunge -
non saremmo arrivati e dedico a loro questa pagina importante
della storia. Affido a chi verra' dopo di me il compito di
completare in tempi rapidi il percorso perche' vuol dire piu'
competenze, piu' risorse e' piu' servizi per i cittadini lombardi.
Questo e' anche un modello che potra' essere esportato in tutte le
altre regioni se i governatori accetteranno la sfida, perche' piu'
autonomia vuol dire piu' responsabilita', gestire meglio i soldi
pubblici e spendere meglio le risorse pubbliche a favore dei
cittadini. E' una bella sfida che noi siamo riusciti a vincere
oggi. Per quanto riguarda i finanziamenti - prosegue - sono
stabiliti i criteri: il primo e' calcolare quanto oggi lo Stato
spende in Lombardia, queste risorse andranno nel bilancio della
Regione e cio' vuol dire risorse in piu'. Gli altri due criteri
sono i costi e i fabbisogni standard che e' una vecchia battaglia
storica della Lega e che vuol dire che chi governa meglio ha un
vantaggio perche' spende meno e riceve di piu' dallo Stato. E poi
la compartecipazione al gettito di uno o piu' tributi erariali che
e' una pagina storica. Finisce il sistema dei trasferimenti, le
tasse pagate in Lombardia vengono a Roma e da qui tornano
indietro, in parte vuol dire che le tasse pagate in Lombardia in
quota importante rimarranno in Lombardia. Questi sono criteri
straordinariamente importanti e innovativi", conclude.
(ITALPRESS).
tan/sat/red
28-Feb-18 13:28
NNNN


NNNN