= Ue: Commissione, squilibri eccessivi Italia ma rischi ridotti

mercoledì 7 marzo 2018




ZCZC
AGI0258 3 EST 0 R01 /

== Ue: Commissione, squilibri eccessivi Italia ma rischi ridotti =
(AGI) - Bruxelles, 7 mar. - L'Italia e' nel gruppo di paesi che
stanno sperimentando squilibri economici eccessivi ma grazie
alle riforme alcuni di questi squilibri sono stati ridotti. Lo
dice la Commissione europea nel pacchetto d'inverno del
semestre europeo. Secondo il documento della Commissione
"alcuni squilibri sono stati ridotti" grazie a "una
combinazione di riforme, condizioni economiche favorevoli e a
una riduzione dei rischi nel settore bancario", spiega il
documento della Commissione.
    "L'Italia sta sperimentando squilibri eccessivi - dice la
Ue - l'alto debito pubblico e la dinamica protratta di bassa
produttivita' implica rischi con rilevanza transfrontaliera",
dice il documento della Commissione. Il livello di crediti
deteriorati e disoccupazione rimane "elevato". Secondo
l'esecutivo comunitario la ratio debito/Pil dovrebbe
"stabilizzarsi ma non ha ancora avviato un percorso di
riduzione stabile a causa del peggioramento del saldo primario
strutturale" (il deficit al netto del ciclo economico, ndr). La
competitivita' esterna dell'Italia e' "migliorata", ma la
Commissione ritiene che sara' difficile recuperare la perdita
di competitivita' del passato a causa degli ostacoli
strutturali all'allocazione efficiente dei fattori di
produzione, all'aumento dei costi unitari di lavoro e della
bassa inflazione.
    La pressione dei mercati sul settore bancario si sono
"ridotte" dopo le operazioni condotte dal governo lo scorso
anno su una serie di banche in difficolta'. Ma "lo stock di
crediti deteriorati ha iniziato a ridursi solo di recente e
continua a pesare sulle necessita' di capitali, sui profitti e
le politiche di credito delle banche". La Commissione
sottolinea che lo slancio in termini di riforme e'
"rallentato", ma l'Italia ha fatto comunque "alcuni progressi"
sulle raccomandazioni europee. (AGI)
Bxj/Mgm
071250 MAR 18

NNNN