+T -T


8 MARZO:EMILIANO "FESTEGGIAMO DONNA CON ATTI CONCRETI MEDICINA GENERE"

giovedì 8 marzo 2018


ZCZC IPN 290
POL --/T
8 MARZO:EMILIANO "FESTEGGIAMO DONNA CON ATTI CONCRETI MEDICINA GENERE"
BARI (ITALPRESS) - Cinque casi di tumore della mammella in
altrettante donne lavoratrici (dottoresse) dell'ospedale San Paolo
di Bari. E' questo il dato che ha dato il via ad un progetto
sperimentale, presentato questa mattina davanti al presidente
della Regione Puglia e assessore alla Sanita' Michele Emiliano che
ha l'obiettivo di sottoporre tutte le lavoratrici che effettuano
lavoro notturno, senza limiti di eta', ad uno screening
"obbligatorio" mammogradico ed ecografico. "La differenza con lo
screening gia' previsto dalla normativa nazionale - ha detto
Francesco Polemio,  responsabile del servizio di Sorveglianza dei
lavoratori dell'Asl Bari, sta proprio nella obbligatorieta',
essendo esso stato inserito nel protocollo di sorveglianza
sanitaria al fine dell'accertamento all'idoneita' lavorativa. Chi
non si si sottoporra' - ha concluso - non potra' ricevere
l'idoneita' professionale e dunque rischia l'allontanato dal
lavoro". Il progetto, primo in Italia, per ora riguardante solo il
San Paolo ma presto sara' esteso a tutta la Asl, ha preso le mosse
dal rigetto da parte dell'Inail della richiesta di malattia
professionale fatta dalle cinque dottoresse colpite da neoplasia
mammaria. Nella motivazione dell'Inail  l' assenza di correlazione
tra attivita' lavorativa e patologia.
La Asl Bari, guidata da Vito Montanaro, ha voluto andare oltre e a
protezione delle sue lavoratrici, su spinta del servizio di
Sorveglianza sanitaria, ha avviato una indagine.  La disamina
della letteratura internazionale di settore infatti, ha
evidenziato come gia' dal 2001 in alcuni paesi europei e non solo,
fossero stati pubblicati studi sul nesso di causalita' tra la
neoplasia alla mammella e il lavoro notturno, tanto che nel 2013
il lavoro notturno e' stato inserito dall'Agenzia Internazionale
per la ricerca sul cancro, al terzo posto tra i fattori di rischio
della malattia.
(ITALPRESS) - (SEGUE).
cip/dp/red
08-Mar-18 14:15
NNNN


NNNN

 

8 MARZO:EMILIANO "FESTEGGIAMO DONNA CON ATTI CONCRETI MEDICINA...-2-
ZCZC IPN 291
POL --/T
8 MARZO:EMILIANO "FESTEGGIAMO DONNA CON ATTI CONCRETI MEDICINA...-2-
Gli studi effettuati in Francia, Danimarca, Canada e Usa
rivelavano nelle donne lavoratrici di notte una riduzione
dell'ormone melatonina, a fortissima azione antiossidante, perche'
e' un ormone che l'organismo produce in presenza di buio. Dunque
una scarsa produzione di melatonina con conseguente iperproduzione
 di estrogeni e l'alterazione del ciclo circadiano ( sonno-veglia)
produrrebbero un indebolimento del sistema immunitario e delle
difese antitumorali con una probabile esposizione alla malattia.
"Oggi festeggiamo con atti concreti - ha detto il governatore
della Puglia, Michele Emiliano - la giornata della donna. Questo
e' un esempio di medicina di genere legata anche al rischio
professionale. Ma non c'e' solo questo, la Asl a Monopoli oggi ha
organizzato uno screening gratuito di massa per tutte le donne che
vogliono fare prevenzione di tumori dell'apparato riproduttivo. La
festa della donna oggi - ha precisato Emiliano - e' dedicata in
particolare alla medicina di genere che deve fare progressi anche
nel sistema sanitario regionale". L'evento di oggi e' servito
anche a ribadire l'importanza della prevenzione, in particolare
del carcinoma mammario che rappresenta il 25% delle neoplasie che
affliggono le donne (22% di tutti i decessi oncologici).
"Prevenzione - ha detto Paola D'Aprile, direttore dell'UOC di
Radiodiagnostica, RMN e Senologia dell'Ospedale San Paolo - vuol
dire diagnosi precoce, trattamenti mirati meno invasivi, con un
alto tasso di guarigione che puo' superare anche il 90%".
(ITALPRESS).
cip/dp/red
08-Mar-18 14:15
NNNN


NNNN