Fmi: da criptovalute no rischi per stabilita' globale, vigilare

mercoledì 18 aprile 2018



 
ZCZC
AGI0333 3 ECO 0 R01 /

= Fmi: da criptovalute no rischi per stabilita' globale, vigilare =
(AGI) - Roma, 18 apr. - Le criptovalute non rappresentano, "al
momento", un rischio per la stabilita' finanziaria globale. Il
giudizio e' contenuto nel Global financial stability report del
Fondo monetario internazionale che invita comunque le autorita'
a vigilare sugli sviluppi dei 'criptomercati' e le istituzioni
finanziarie a innovarsi per raccoglierne la sfida.
    Secondo il Fondo le criptoattivita' hanno "il potenziale di
combinare i benefici delle valute tradizonali e delle materie
prime" e la tecnologia che le sorregge "potrebbe anche condurre
a infrastrutture di mercato piu' efficienti", in particolare
sul fronte del sistema dei pagamenti. Tuttavia, si legge nel
Rapporto, "prima che possano trasformare l'attivita'
finanziaria in modo significativo e durevole, le
criptoattivita' dovranno guadagnarsi la fiducia di consumatori
e autorita' finanziarie". (AGI)
Mau (Segue)
181430 APR 18

NNNN

Fmi: da criptovalute no rischi per stabilita' globale, vigilare (2)=
 Fmi: da criptovalute no rischi per stabilita' globale, vigilare (2)=
ZCZC
AGI0334 3 ECO 0 R01 /
0333
= Fmi: da criptovalute no rischi per stabilita' globale, vigilare (2)=
(AGI) - Roma, 18 apr. - Al momento, comunque, insiste il Fondo,
le criptoattivita' "non sembrano porre rischi alla stabilita'
finanziaria", anche per la loro limitata dimensione: valgono
circa il 3% delle attivita' combinate delle banche centrali del
G4. Tuttavia le cose potrebbero cambiare in futuro. Per questo,
scrivono i tecnici dell'istituto di Washington, "i regolatori
dovrebbero continuare a vigilare sulle sfide che potrebbero
derivare dalle criptoattivta' se dovessero essere utilizzate in
modo piu' diffuso".
    Proprio per come sono concepite, rileva l'Fmi, le
criptotransazioni "consentono un alto grado di anonimita'" e le
criptoattivita' possono rilvelarsi un "importante veicolo" per
il riciclaggio dei capitali e il finanziamento del terrorismo.
Nel corso di questi anni non sono poi mancati "casi di frode,
violazioni della sicurezzaer fallimenti operativi".
    In definitiva, osserva il Fondo, "i regolatori devono
decidere quale sia il ruolo che le criptoattivita' possono
assumere all'interno del sistema finanziario". E per far
questo, conclude il Rapporto, "le future decisioni politiche
dovranno essere rapide, innovative e cooperative". (AGI)
Mau
181430 APR 18

NNNN