Fmi: vulnerabilita' finanziaria in aumento, rischi per crescita

mercoledì 18 aprile 2018



ZCZC
AGI0331 3 ECO 0 R01 /

= Fmi: vulnerabilita' finanziaria in aumento, rischi per crescita =
(AGI) - Roma, 18 apr. - I rischi per la stabilita' finanziaria
mondiale sono aumentati sul breve termine e continuano a essere
elevati nel medio. Il giudizio e' contenuto nel Global
financial stability report del Fondo monetario internazionale
secondo cui le vulnerabilita' accumulate in questi anni di
bassi tassi d'interesse "potrebbero rendere il cammino
accidentato e mettere a rischio la crescita".
    I tecnici dell'Fmi non mancano di rilevare che "la ripresa
economica e' rimasta resiliente nonostante la recente
volatilita' sui mercati. Ma investitori e autorita'", osserva
il responsabile del Dipartimento mercati monetari e dei
capitali dell'istituto, Tobias Adrian, "non devono sentirsi
troppo comodi con le attuali relativamente buone condizioni
finanziarie". Al contrario, avverte, "dovrebbero stare attenti
ai rischi associati a tassi d'interesse in aumento, elevata
volatilita' del mercato ed escalation delle tensioni
commerciali". (AGI)
Mau (Segue)
181430 APR 18

NNNN

Fmi: vulnerabilita' finanziaria in aumento, rischi per crescita (2)=
 Fmi: vulnerabilita' finanziaria in aumento, rischi per crescita (2)=
ZCZC
AGI0332 3 ECO 0 R01 /
0331
= Fmi: vulnerabilita' finanziaria in aumento, rischi per crescita (2)=
(AGI) - Roma, 18 apr. - Il Fondo non nasconde la propria
preoccupazione per un'eventuale restringimento delle condizioni
monetarie "piu' aggressivo di quanto attualmente atteso", in
particolare se l'inflazione dovesse accelerare improvvisamente.
"Per minimizzare tali rischi", suggerisce il rapporto, "le
banche centrali dovrebbero continuare a normalizzare la
politica monetaria gradualmente e comunicare le loro decisioni
con chiarezza pe sostenere la ripresa".
    L'Fmi certifica anche il discreto stato di salute del
sistema bancario che, afferma, "e' divenuto piu' resiliente
dopo la crisi finanziaria globale". Tuttavia, aggiungono gli
economisti di Washington, "e' importante assicurare che
l'agenda di riforma regolamentare avviata dopo la crisi venga
completata". Nelle economie avanzate, inoltre, "alcuni istituti
piu' deboli devono rafforzare i loro attivi".
    Mau
181430 APR 18

NNNN