Migranti: Rossi, da governo sproporzione fra realtà e slogan

giovedì 10 gennaio 2019



ZCZC1481/SXA
OFI80746_SXA_QBXB
R POL S0A QBXB

   (ANSA) - FIRENZE, 10 GEN - Sul tema dei migranti c'è "una
sproporzione tra verità dei fatti e rappresentazione politica"
da parte del governo e delle sue componenti "che è destinata a
emergere", e dunque "non penso che questa politica possa durare
a lungo". Lo ha detto Enrico Rossi, presidente della Regione
Toscana, intervenendo a Studio24 su Rainews24.
   "A me colpisce - ha affermato Rossi a proposito dell'esito
del caso Sea Watch - che si riunisca un vertice notturno, che
impegna la più alta compagine politica del paese, per discutere
alla fine del ricollocamento di 15 persone. Capisco che la
politica è fatta di simboli e prove muscolari, ma la
sproporzione è evidente. Mi chiedo cosa si pensi nelle periferie
dove si vive l'insicurezza".
   Per il governatore toscano "Salvini si impunta su 15 migranti
che devono rientrare e rende irregolari decine di migliaia di
persone che si prestano facilmente a essere mass di manovra
della criminalità organizzata, a essere gettati in una
condizione di disperazione. Per quanto la narrazione ci metta
del suo, la sproporzione è destinata a emergere, temo che gli
italiani finiranno per sentirsi ancora meno
rappresentati".(ANSA).

     YAD-MU
10-GEN-19 10:41 NNN