Decretone: Regioni, servizi sociali punto partenza reddito

lunedì 21 gennaio 2019


ZCZC5412/SXA
XEF21017_SXA_QBXB
U ECO S0A QBXB

   (ANSA) - ROMA, 21 GEN - "Non è ben chiaro se il punto di
partenza" del percorso per il reddito di cittadinanza "sarà il
centro per l'impiego" ma "chiederemo che siano i servizi sociali
a dire se il beneficiario deve sottoscrivere il patto per il
lavoro o quello per l'inclusione" perché "non è la mission dei
centri, l'operatore del centro non è in grado di determinare la
multidimensionalità del bisogno, c'è chi lo sa fare molto
meglio". E' questa una delle richieste che gli assessori
regionali al lavoro avanzeranno nel corso dell'incontro con il
ministro Luigi Di Maio sull'attuazione del decretone, come
anticipato dal coordinatore Cristina Grieco.
   "Chiederemo al ministro - ha detto arrivando al Mise - di
riprendere un confronto istituzionale che non c'è stato in
questi mesi" con il provvedimento che "è stato costruito
unilateralmente". Ma "con spirito di leale collaborazione
istituzionale e in maniera bipartisan, oggi parleremo con una
unica voce: vogliamo che i cittadini abbiano prestazioni cui
hanno diritto però vogliamo anche rassicurazioni sui tempi e
sulle modalità". (ANSA).

     GAS
21-GEN-19 16:22 NNN