+T -T


REDDITO. REGIONI: VOGLIAMO EVITARE CAOS, TSUNAMI BENEFICIARI "DAL 16 OTTOBRE INTERROTTO DIALOGO ISTITUZIONALE CON DI MAIO".

lunedì 21 gennaio 2019


ZCZC
DIR1244 3 POL  0 RR1 N/POL / DIR /TXT 

(DIRE) Firenze, 21 gen. - "Come Regioni vorremmo evitare il caos
nei centri per l'impiego a partire da marzo-aprile. Intravediamo
questo rischio, perche' i centri andavano rafforzati nel piu'
breve tempo possibile, dovevamo essere subito in condizione di
fare assunzioni, di andare a un rafforzamento, di rafforzare
anche le infrastrutture informatiche". Lo dichiara a Radio24 in
merito al reddito di cittadinanza l'assessore alla Formazione e
al lavoro della Toscana, Cristina Grieco, che e' anche la
coordinatrice del tavolo delle Regioni sul tema. "Innanzitutto
vediamo problemi di metodo: ci troviamo un decreto
preconfezionato- aggiunge-, perche' i rapporti col ministro Di
Maio al di la' di un inizio in cui si era prospettata una
condivisione si sono interrotti da tre mesi".
   Dal 16 ottobre, chiarisce, "non incontriamo il ministro con
tutti i problemi di gestione del caso: non abbiamo ne' incontri
politici ne' tecnici". Secondo le Regioni andrebbero assunti
subito 4 mila operatori nei centri: "Abbiamo poi forti
perplessita' sulla figura dei navigator, si trattera' di
un'ulteriore sacca di precariato assunta da Anpal servizi e non
da noi- evidenzia-. Non abbiamo idea di come andranno a operare
ne' da chi saranno gestiti, o di come si andranno a coordinare".
Ma ancora piu' rilevante per Grieco e le Regioni resta l'aspetto
dei rapporti col governo: "Abbiamo bisogno di riallacciare col
ministro Di Maio un dialogo istituzionale".
  (Cap/ Dire)
16:07 21-01-19

NNNN