Autonomia: E-R, nostra proposta scuola rafforza unità

venerdì 15 febbraio 2019



ZCZC8363/SXR
OBO64192_SXR_QBXJ
B POL S57 QBXJ
++ ++
'No a regionalizzazione dei docenti come Lombardia e Veneto'
   (ANSA) - BOLOGNA, 15 FEB - "La nostra proposta di autonomia
organizzativa sulla scuola rende più forte l'unità. La nostra
proposta è diversa da quella di Lombardia e Veneto: non vogliamo
la regionalizzazione dei docenti, ma non vogliamo neanche
accettare l'esistente che precarizza la vita della scuola". Lo
ha detto all'ANSA Patrizio Bianchi, assessore regionale alla
scuola dell'Emilia-Romagna, a proposito delle polemiche
sull'autonomia nel sistema scolastico. (ANSA).

     NES
15-FEB-19 17:56 NNN
ZCZC8988/SXA
OBO64991_SXA_QBXB
R POL S0A QBXB
Autonomia: E-R, nostra proposta scuola rafforza unità (2)

   (ANSA) - BOLOGNA, 15 FEB - Bianchi è amareggiato dalle
polemiche di questi giorni, sollevate anche dai sindacati della
scuola. "Vorrei - ha detto - che prima di parlare leggessero con
attenzione le proposte, la nostra tiene insieme l'unità. Sarebbe
meglio non fermarsi agli spot, se andiamo dentro le cose e ne
parliamo, vediamo che la nostra proposta è l'unica che può
tenere insieme l'unità nazionale". E anche le altre Regioni,
secondo Bianchi, dovrebbero capire "che questa è la soluzione,
la centralizzazione che non funziona in nessuna parte del mondo,
ma la nostra richiesta di autonomia organizzativa è una cosa ben
diversa dalla secessione".
   A differenza della Lombardia e del Veneto, "non vogliamo i
docenti su un ruolo regionale, noi vogliamo poter fare
un'allocazione del personale coerente su base triennale ed
essere nelle condizioni di fare una programmazione sull'edilizia
scolastica, che attualmente è una lotteria. Questo riguarda
anche l'Università: vogliamo un fondo per garantire il diritto
allo studio. Io so a dicembre, per ragazzi già iscritti, quanti
soldi ho a disposizione, vorrei saperlo con tre anni di
anticipo, anche perché gli studenti universitari in
Emilia-Romagna sono aumentati di 20mila unità in cinque anni.
Poi serve un fondo per l'edilizia universitaria e uno che possa
sostenere le università nell'attivazione di corsi che possono
servire al territorio".
   Il tema, ha detto Bianchi "si inserisce in un percorso
cominciato molto tempo fa ed è un rafforzamento dell'unità
nazionale perché avvicina i cittadini ai servizi. Noi non
abbiamo chiesto tutte le materie ma solo quelle funzionali. In
questo il nostro percorso è diverso da quello di Veneto e
Lombardia". (ANSA).

     NES
15-FEB-19 18:42 NNN