TERREMOTO: TESEI, 'SU SMALTIMENTO MACERIE RASSICURATI DA CONTE MA DL NON FUNZIONA'

mercoledì 15 gennaio 2020


ZCZC
ADN1683 7 POL 0 ADN POL NAZ

      Roma, 15 gen. (Adnkronos) - Il decreto sulla ricostruzione "è un dl,
ma manca di alcune cose. Il mio intervento era rivolto a questo. Ho
sollevato un problema che va risolto, non possiamo più raccontarci
storie: bisogna correre, se non ravviamo questa ricostruzione -sia
pubblica che privata- evidentemente rischiamo di far definitivamente
spopolare questi luoghi, e sarebbe un danno irrecuperabile per le
nostre comunità che non possiamo permetterci". Così la presidente
della Regione Umbria, Donatella Tesei, lasciando Palazzo Chigi dopo
aver fatto il punto con premier Giuseppe Conte e i governatori delle
altre regioni colpite dal sisma.

      "Ho ritenuto opportuno intervenire - spiega la governatrice, che si è
intrattenuta con il presidente del Consiglio e i rappresentanti di
Marche, Abruzzo e Lazio per fare il punto sull'emergenza sisma -
nonostante non fosse all'odg, perché il terremoto è un'emergenza
infinita e non possiamo trattarlo come una cosa ordinaria".

      "Il presidente Conte è stato molto disponibile e voglio ringraziarlo
per questo, abbiamo avuto una seduta a latere dell'incontro per
parlare su come ripartire - spiega ancora - siamo bloccati di nuovo in
quanto non era stato adottato un provvedimento di proroga dei depositi
temporanei dei rifiuti per lo smaltimento delle macerie e questo è
stato un altro blocco importante". Conte, aggiunge Tesei, "ci ha dato
buone rassicurazione di stringere con i tempi".

      (Ile/AdnKronos)

ISSN 2465 - 1222
15-GEN-20 19:08

NNNN