Coronavirus: Bravi, misure straordinarie famiglie e imprese

venerdì 6 marzo 2020


ZCZC4289/SXR
OAN75987_SXR_QBKM
R ECO S43 QBKM


(ANSA) - ANCONA, 6 MAR - Misure straordinarie per sostenere
famiglie e imprese, al fine di contenere e arginare i disagi
legati alla diffusione del coronavirus (Covid-19). Lo ha chiesto
l'assessore regionale al Lavoro Loretta Bravi ieri nel corso
della videoconferenza delle Regioni con il ministro del Lavoro
Nunzia Catalfo, informa una nota. Accogliendo con favore
l'annuncio del ministro, il quale ha anticipato l'adozione da
parte del Governo di un nuovo decreto-legge per i primi giorni
della prossima settimana, che estenderà le misure di tutela
previste per le zone rosse a tutte le Regioni, la Regione Marche
ha sollecitato due provvedimenti. Si tratta della cassa
integrazione in deroga per sei mesi alle aziende che non
beneficiano di strumenti ordinari e di 6 mesi di indennità per i
lavoratori autonomi, sbloccando i fondi residui degli
ammortizzatori sociali in deroga degli anni pregressi pari per
la Regione Marche a 27,2 milioni di euro. Per quanto riguarda la
prima richiesta, riferisce la Regione, il Ministro ha accordato
due mesi a partire dalla data della prima ordinanza del 23
febbraio, eventualmente prorogabili. "Speriamo nella proroga
perché questo provvedimento è strategico per dare, durante
l'attuale momento di crisi, una risposta alle realtà che hanno
già esaurito la disponibilità di cassa integrazione ordinaria e
straordinaria" sottolinea l'assessore Bravi. (ANSA).

COM-ME
06-MAR-20 13:26 NNN