Coronavirus, Fedriga: salvaguardare economia reale Paese

giovedì 26 marzo 2020


ZCZC
PN_20200326_00052
4 CRO gn00 rg07 XFLA


Trieste, 26 mar. (askanews) - ""Per quanto riguarda la misura
economica di aprile, io sono soddisfatto che vengano messe nuove
risorse ma ritengo che purtroppo l'impatto economico dato da
questa crisi di carattere sanitario non si limiterà ai 50
miliardi che potrebbero essere lo stanziamento dei due decreti"".
Lo ha dichiarato il presidente della Regione Friuli Venezia
Giulia, commentando ad ""Omnibus"" a La7, l'intervento del
presidente del Consiglio Giuseppe Conte ieri alla Camera. ""Noi
abbiamo una crisi molto profonda e penso che in questo momento
sia fondamentale salvaguardare l'economia reale - ha sottolineato
Fedriga -. Lo dico non soltanto per sottolineare l'importanza che
ha il mondo produttivo del nostro Paese ma anche per evidenziare
che se ci fosse il crollo dell'economia reale, significherebbe il
crollo delle entrate per lo Stato, non soltanto per quest'anno o
per qualche mese ma anche per i prossimi anni"".
""Se ci fosse il crollo, e lo dico da una Regione che compartecipa
alle entrate per pagare i servizi ai propri cittadini,
significherebbe che noi non avremmo più le risorse per garantire
i diritti essenziali, come per esempio quello sanitario, ai
cittadini del Paese - ha aggiunto Fedriga -. Dobbiamo dirlo con
chiarezza che l'investimento che oggi si può fare per
salvaguardare il mondo economico italiano, è un investimento che
si fa anche in prospettiva per salvaguardare il mondo sociale, il
mondo dei diritti in questo Paese"". ""Condivido le parole di Mario
Draghi nell'intervista al Financial Times, dobbiamo avere il
coraggio di investire le risorse anche a costo di debito"" ha
concluso.

Fdm


Copyright askanews(c) 2015


Trieste, 26 MAR 2020 08:45
"

NNNN