Coronavirus: Toma, basta odio e fake news, restare uniti

domenica 5 aprile 2020


ZCZC2919/SXA
OAQ24108_SXA_QBXB
R CRO S0A QBXB


(ANSA) - CAMPOBASSO, 5 APR - "Oggi il mio pensiero va alle 13
famiglie che hanno perso un proprio caro per questo maledetto
virus, ma anche alle famiglie che hanno perso un proprio caro
per altre terribili malattie, a chi sta tenendo duro, a chi deve
lavorare e a chi ha scelto di lavorare per sostenere chi è in
prima linea". Ô uno dei passaggi del messaggio che il presidente
della Regione, Donato Toma, ha inviato ai molisani in occasione
della ricorrenza delle domenica delle Palme.
"Potrei dirvi che il Molise ha ancora numeri di contagio
gestibili con le risorse regionali, ha un numero di decessi
molto limitato, come controllo del territorio siamo ai primi
posti, potrei dirvi - ha proseguito - che siamo stati tra i
primi a mettere in piedi un Piano sanitario di contrasto
all'emergenza, di controllo dei confini, di misure economiche di
sostegno all'economia. Ma di fronte a ogni singola vita persa,
non riesco oggi a festeggiare e mi perdonerete per questo. Sono
in ufficio in Regione 15 ore al giorno, la task force è
costantemente operativa. Sì può fare di più e meglio? Sì - ha
osservato - ma non possiamo pretendere che il nostro territorio
sia a contagio zero, lo voglio dire chiaramente a chi in queste
ore utilizza ogni nuovo contagio per attaccare la regione e
offendere così il lavoro prezioso di medici, personale
sanitario, forze dell'ordine e protezione civile".
Poi, una riflessione verso chi in questa fase diffonde fake
news, linguaggio violento e odio: "se in Molise ogni contagio
dipende dall'inefficienza della regione, allora l'Italia che è
il paese più contagiato al mondo dispone del governo nazionale
peggiore del mondo? Ma la volete finire di speculare per
racimolare voti anche sulla malattia?". Infine, il
ringraziamento ai molisani: "siamo una grande comunità e lo
stiamo dimostrando ogni giorno rispettando le regole
silenziosamente e mostrando grande senso di responsabilità. La
regione c'è, i sindaci ci sono, tutta la filiera istituzionale è
attivata. Credetemi, stiamo facendo il possibile e
l'impossibile". (ANSA).

YM9-HNZ
05-APR-20 16:43 NNN