Coronavirus: Regioni, competenza su calendario scuola è nostra

mercoledì 8 aprile 2020


ZCZC2742/SX4

XCI52793_SX4_QBXI

U CRO S04 QBXI

 

   (ANSA) ROMA, 8 APR - Sul calendario scolastico regionale "la

competenza è delle Regioni". A ricordarlo parlando con l'ANSA è

Cristina Grieco, coordinatrice degli assessori regionali alla

Scuola. "Lo Stato individua il periodo minimo di giorni di

lezione - spiega - poi le Regioni stabiliscono i loro

calendari". E dunque "se l'anno scolastico inizia il 1 settembre

2020-2021 "il calendario delle lezioni poi lo decidono le

singole Regioni. In Toscana per esempio abbiamo fatto una

programmazione permanente per la quale non si torna mai a far

lezione prima del 15 settembre". E questo anche per non

compromettere la parte finale della stagione turistica che

quest'anno, spiega l'assessore, sarà ancora più complicata per

gli operatori.(ANSA).

 

     VR

08-APR-20 11:54 NNN

 

 

ZCZC2979/SX4

XCI52919_SX4_QBXI

R CRO S04 QBXI

 (2)

 

   (ANSA) ROMA, 8 APR - "Se il ministero - dice Grieco - dovesse

unilateralmente prevedere un inizio delle lezioni il 1

settembre, provocherebbe evidenti problemi per le Regioni.

Eventualmente è possibile prevedere di utilizzare la prima parte

di settembre per il recupero delle lacune. Insomma serve un

confronto con il ministero, dobbiamo iniziare a porci il tema

dell'inizio del nuovo anno scolastico che non sarà certamente un

anno ordinario. Io non sono preoccupata tanto della ripresa

delle lezioni ora, quanto per l'avvio del prossimo anno,

serviranno misure che assicurino sicurezza e distanziamento. E'

necessario convocare quanto prima un tavolo con il ministero

dell'Istruzione per lavorare a tutto questo".

    Il decreto sulla chiusura dell'anno scolastico approvato due

giorni fa dal Consiglio dei ministri prevede che "con una o più

ordinanze del ministro dell'Istruzione sono adottate misure

volte alla definizione della data di inizio delle lezioni per

l'anno scolastico 2020-2021 d'intesa con la Conferenza

Stato-Regioni, anche tenendo conto dell'eventuale necessità di

recupero degli apprendimenti quale ordinaria attività didattica

e della conclusione delle procedure di avvio dell'anno

scolastico". (ANSA)

 

     VR

08-APR-20 12:02 NNN