Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1003 - giovedì 27 settembre 2007

Sommario3
- Sanità: Colozzi, verso rinnovo Contratti
- Informazione: le rassegne stampa on line
- Strutture militari: Martini, coinvolgere Regioni per loro futuro
- Termoli, 4 ottobre: "tre italie" per lo sviluppo
- Corte dei conti su bilancio Regione Marche
- Razzismo e xenofobia: rapporto Agenzia Europe per i diritti fondamentali

+T -T
Sanità: Colozzi, verso rinnovo Contratti

(regioni.it) Sono stati trasmessi gli atti di indirizzo al Governo per il rinnovo dei contratti della sanità. Lo ha annunciato Romano Colozzi, presidente del comitato di settore per la Sanità, ''mantenendo fede all'impegno assunto con le organizzazioni sindacali di avviare al piu' presto la fase negoziale''.

Il Comitato di Settore, alla presenza dello stesso Colozzi, degli assessori regionali alla Sanita' Enrico Rossi (Toscana), Giovanni Bissoni (Emilia Romagna), Ezio Beltrame (Fiuli Venezia Giulia), Francesca Martini (Veneto) e da una rappresentanza del ministero della Salute guidata dal sottosegretario Serafino Zucchelli, ha approvato gli atti di indirizzo della dirigenza medica e

amministrativa, dei medici di famiglia, dei pediatri e del personale del comparto (infermieri, tecnici ecc.).

Le Direttive emanate sono state trasmesse alla presidenza del Consiglio per gli adempimenti di competenza, che precedono l'apertura delle trattative. ''Abbiamo approvato all'unanimita' gli atti di indirizzo - aggiunge Romano Colozzi - che contengono elementi importanti nell'ottica di un sensibile miglioramento dell'efficienza e della qualita' della sanita' pubblica''.

''Abbiamo saputo che la quantificazione delle risorse indicate dalle tabelle ministeriali allegate agli atti di indirizzo non troverebbero l'accordo dei rappresentanti sindacali - ha concluso Colozzi - tuttavia il Comitato di Settore non ha potuto fare altro che utilizzare i dati trasmessi dal ministero dell'Economia come stabilito dalla Finanziaria 2007. Tuttavia, qualora arrivassero dal governo tabelle aggiornate con l'indicazione della relativa copertura finanziaria, il Comitato di Settore le prendera' immediatamente in considerazione sostituendo le precedenti''.

(red/27.09.07)

+T -T
Informazione: le rassegne stampa on line

(regioni.it) Le rassegne stampa sono una delle forme di documentazione che la rete mette a disposizione degli utenti. E per coloro che seguono da vicino il “sistema delle autonomie “ e il federalismo un punto di riferimento è rappresentato dalle rassegne stampa on line della Conferenza delle Regioni, dell’Anci, dell’Upi, dell’Uncem e degli Affari regionali.

La segreteria della Conferenza delle Regioni ha da tempo attivato (in collaborazione con la Selpress) un servizio di monitoraggio dei principali quotidiani. La rassegna stampa è on line alle 9.30 circa e rappresentanti istituzionali, dirigenti e funzionari delle Regioni e delle Province autonome possono accedervi dopo aver richiesto user name e password.

L’Anci sta rinnovando e riprogettando il proprio servizio di rassegna stampa, mentre l’Unione delle Province ha realizzato il servizio di rassegna stampa in collaborazione con l’agenzia Asca.

L’Uncem (l'Unione Nazionale Comuni, Comunità, Enti montani ) pubblica on line una selezione dei principali articoli relativi alla politica per la montagna.

On line anche la rassegna stampa del Dipartimento per gli affari regionali, con diversi articoli tratti dalla rassegna stampa destinata al Ministro.

Restano punti di riferimento per l’informazione generale la rassegna stampa della Camera dei Deputati (con una selezione con le principali notizie sull'attività della Camera dei Deputati) e quella del Senato.

Anche il CNIPA il Centro Nazionale per l'Informatica nella Pubblica Amministrazione pubblica una selezione delle principali notizie sul dalle varie testate giornalistiche (In formato .pdf).

Per chi poi è interessato a seguire da vicino particolari materie o ambiti determinati può essere utile consultare il servizio messo a disposizione da Italia.gov.it che permette di consultare rapidamente le rassegne stampa realizzate dai vari  Ministeri.

Inoltre sono da segnalare: Fisco Oggi, la rivista telematica dell'Agenzia delle Entrate, una rassegna stampa tematica, con notizie utili ai cittadini e alle imprese;la rassegna delle principali riviste scientifiche con le novità sulla sperimentazione e ricerca scientifica realizzata dall’ AIFA – Agenzia Italiana del Farmaco; la rassegna dell’ ENEA, il sito dell'Ente per le Nuove Tecnologie, l'Energia e l'Ambiente e quella dell’ ENIT,  l'Agenzia Nazionale del Turismo.

(sm/27.09.07)

+T -T
Strutture militari: Martini, coinvolgere Regioni per loro futuro

(regioni.it) Duecento rotoli di tela di plastica sono stati inviati dalla base militare di Camp Darby a Livorno e inviati d'urgenza a Goma, nella Repubblica Democratica del Congo, dove da tempo si affronta una critica situazione umanitaria a causa di tensioni politiche e militari interne. La spedizione, partita dall'aeroporto di Pisa, fa parte di una piu' ampia missione umanitaria di Camp Darby. Usaid, l'Agenzia americana per lo Sviluppo Internazionale, aveva contattato la base italiana - responsabile per l'immagazzinamento, la conservazione e la spedizione degli approvvigionamenti umanitari - per assistere centinaia di migliaia di rifugiati in Congo. I rotoli sono arrivati ad Entebbe, in Uganda, dove sono stati aggiunti ad altro materiale proveniente da Dubai. Da li', poi, gli aiuti hanno raggiunto la postazione Unicef di Goma con un aereo. Il responsabile del coordinamento, Alberto Chidini, e' riuscito a mettere a disposizione il materiale nel giro di 48 ore, a dimostrazione della capacita' della base di rispondere rapidamente a situazioni di crisi umanitaria. Il materiale spedito in Congo servira' per realizzare dei rifugi temporanei per profughi.

''Lo sviluppo dell'attività umanitaria in Italia e' un segnale positivo per un futuro diverso che vogliamo contribuire a costruire per la base di Camp Darby e la dimostrazione concreta che i cambiamenti sono possibili. Per questo abbiamo chiesto al Governo di coinvolgere le Regioni, e la Toscana in particolare, nel confronto che riguarda il futuro di queste grandi strutture militari presenti nel nostro paese''. Lo ha detto il presidente della Regione Toscana Claudio Martini che nei giorni scorsi ha visitato la base in occasione di una missione umanitaria, accompagnato dai comandanti americano e italiano.

(red/27.09.07)

+T -T
Termoli, 4 ottobre: "tre italie" per lo sviluppo

(regioni.it) Si può parlare, discutere e proporre per il Mezzogiorno sfuggendo da stereotipi e luoghi comuni? E’ forse questa la domanda da cui sono partiti gli organizzatori del convegno (promosso e organizzato dalla Regione Molise) “Regionando di sviluppo. Fra convergenza e competitività” che si terrà a Termoli il 4 ottobre 2007.

A parole sono in molti a voler scommettere sullo sviluppo del Mezzogiorno, nei fatti si stenta a focalizzare sulle opportunità,ma anche sulle difficoltà, dei programmi 2007-2013 fissati dall’Unione Europea, colpevole anche un sistema mediatico spesso disattento rispetto ai temi europei. Eppure gli osservatori più attenti hanno da tempo individuato “tre italie” che, crescendo in Europa, stanno cambiando il volto della geografia amministrativa del nostro Paese. Certo c’è – ed è per certi aspetti drammaticamente urgente – una “questione settentrionale”. (si pensi alla vicenda Malpensa). Esiste – ed è noto – un Mezzogiorno che ha da tempo rigettato la logica dell’assistenzialismo, che non intende più vivere le proprie sfide territoriali solo nella logica dell’emergenza, che vuole commisurarsi con le altre regioni d’Europa e che ha dimostrato almeno sul piano dell’utilizzo dei fondi di sapere e poter giocare un ruolo. Ma c’è anche un’Italia “a metà del guado”, regioni che corrono il rischio di essere appesantite o frenate proprio nel momento in cui si profilano possibilità concrete di decollo. Regioni “sulle cui caratteristiche – scrivono Michele Iorio, Presidente della regione Molise e Gianfranco Vitagliano (assessore alla programmazione) , nella breve presentazione al convegno – vanno ritagliati strumenti di sviluppo più adeguati.

Nella riforma dei fondi strutturali con la creazione dell’obiettivo “Competitività regionale e occupazione”, l’Unione Europea ha puntato, al di fuori delle Regioni in ritardo di sviluppo, “a rafforzare la competitività e le attrattive delle Regioni e l’occupazione anticipando i cambiamenti economici e sociali, inclusi quelli connessi all’apertura degli scambi, mediante l’incremento e il miglioramento della qualità degli investimenti nel capitale umano, l’innovazione e la promozione della società della conoscenza, l’imprenditorialità, la tutela e il miglioramento dell’accessibilità, dell’adattabilità dei lavoratori e delle imprese e lo sviluppo di mercati del lavoro inclusivi”.  Con l’obiettivo “Convergenza” (che va a sostituire l’obiettivo 1) lo sguardo si è rivolto invece esclusivamente alle regioni meno avanzate per creare condizioni più propizie alla crescita e all'occupazione, favorendo investimenti nelle persone e nelle risorse fisiche; per innovare e sviluppare la società della conoscenza; per far fronte ai cambiamenti economici e sociali; per la tutela dell'ambiente e l’ efficienza amministrativa.

Ora però, nel delicatissimo passaggio fra la stesura dei programmi e la loro concreta realizzazione occorre una fase di rapida riflessione che coinvolga l’intero “sistema-Paese”.

Un modo per farlo – e il convegno di Termoli questo propone – può essere quello di cominciare a ragionare su vecchie  e nuove povertà, o – di contro – sui cambiamenti che hanno cambiato il modo di vivere e di intendere il benessere.

Ecco perché il programma del convegno di Termoli prevede dopo i saluti delle istituzioni (Vincenzo Greco, Sindaco di termoli, Giovanni Cannata, Rettore dell’Università del Molise, Michele Iorio, Presidente della Regione Molise), una prolusione di Flavio Delbono (Vicepresidente dell’Emilia-Romagna) che presenterà il libro “Povertà, di che cosa?”.

I lavori proseguiranno poi sul tema “Fra convergenza e competitività” (a coordinare sarà il Presidente della regione Molise che è anche Vicepresidente della Conferenza delle Regioni, Michele Iorio) con le relazioni di Sergio D’Antoni (Viceministro per le politiche per il Mezzogiorno), Andrea Bairati (assessore della regione Piemonte e coordinatore della Commissione politiche comunitarie per la Conferenza delle Regioni) e Romano Colozzi (assessore della Regione Lombardia e coordinatore della Commissione affari finanziari per la Conferenza delle Regioni). Nel pomeriggio il convegno sarà dedicato al tema “Il territorio: tre Italie” con le Relazioni di Sabina De Luca (Dipartimento per le poltiche di sviluppo del Minisetro dello sviluppo economico), Franco Iacop (Assessore Regione Friuli-Venezia Giulia) e Gianfranco Vitagliano (Assessore Regione Molise). Alle 16.00 è prevista una tavola rotonda a cui parteciperanno Ottaviano Del Turco (Presidente Regione Abruzzo), Renato Soru (Presidente Regione Sardegna), Michele Iorio (Presidente Regione Molise) e un rappresentante istituzionale della Regione Basilicata.

Le conclusioni sono state affidate al Presidente della Conferenza delle Regioni , Vasco Errani (Presidente Emilia-Romagna).

(sm/27.09.07)

+T -T
Corte dei conti su bilancio Regione Marche

(regioni.it) La Corte dei Conti ha esaminato i risultati della gestione finanziaria 2006 della Regione Marche , e la Sezione regionale di controllo – si legge nella newsletter della Corte – ha apprezzato, nei dati di bilancio, il rispetto di "tutti i vincoli previsti", conseguito "mantenendo un margine significativo tra i livelli massimi di spesa da rispettare e i livelli effettivi di spesa sostenuti". "Nell'esame della gestione" - scrive la magistratura contabile - "sono stati individuati alcuni punti di forza, rappresentati sostanzialmente dal pieno rispetto del Patto di stabilità, da una riduzione dei livelli di indebitamento (seppure non elevata, tuttavia conseguita nonostante un'attenuazione della pressione fiscale), dal perseguimento non sempre agevole di un equilibrio gestionale, in definitiva non raggiunto solo per la spesa sanitaria". Secondo la magistratura contabile, deve essere "attentamente seguito e monitorato" l'andamento dell'avanzo di amministrazione poiché continuando a crescere nel tempo e svolgendo il ruolo di "elemento bilanciante rispetto all'ammontare complessivo della spesa", esso consente una accresciuta potenzialità e autonomia di spesa. (cfr. Delibera n. 46/2007 della Sezione regionale di controllo per le Marche e testo della Relazione).

(red/27.09.07)

+T -T
Razzismo e xenofobia: rapporto Agenzia Europe per i diritti fondamentali

(regioni.it) E’ disponibile anche sul sito www.regioni.it il  Rapporto sul razzismo e la xenofobia negli Stati membri dell’Unione Europea” (nella versione in lingua inglese), pubblicato dall'Agenzia europea per i diritti fondamentali.

Per maggiori informazioni il link al sito dell’Agenzia è:

http://www.fra.europa.eu/fra/index.php

(red/27.09.07)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top