Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1068 - giovedì 17 gennaio 2008

Sommario
- Milleproroghe sarà emendato
- A chi pagherà le tasse l'Alitalia "francese"?
- Rai: Formigoni, "una rete a Milano"
- Regioni poco coinvolte nelle politiche di coesione UE
- Sanità: Lazio dimezza deficit
- Bankitalia su conti pubblici

+T -T
Milleproroghe sarà emendato

Interessati i piani di rientro sanità

(regioni.it) Novità sull'impatto dei deficit sanitari dal milleproroghe. Le commissioni Affari costituzionali e Bilancio della Camera hanno infatti approvato a riguardo degli emendamenti al decreto milleproroghe che riguardano, tra l'altro, i piani di rientro dal deficit sanitario delle regioni interessate.
(Piani di rientro, tariffe di prestazioni sanitarie e percorsi diagnostico terapeutici).
1. Ai fini del rispetto degli obiettivi di finanza pubblica e di programmazione sanitaria connessi all'attuazione dei piani di rientro dei disavanzi sanitari e alla stipula degli accordi con le strutture erogatrici di prestazioni sanitarie per conto del Servizio sanitario nazionale sono disposti i seguenti interventi:
a)      con riferimento all'anno 2007, nelle regioni per le quali si è verificato il mancato raggiungimento degli obiettivi programmati di risanamento e riequilibrio economico finanziario contenuti nello specifico piano di rientro dai disavanzi sanitari, di cui all'Accordo sottoscritto, ai sensi dell'art. 1, conuna 180 della legge 30 dicembre 2004, n. 311, e successive modificazioni, non si applicano gli effetti previsti dall'articolo 1, comma 796, lettera b), sesto periodo, della legge 27 dicembre 2006, n. 296, limitatamente all'importo corrispondente a quello per il quale la regione ha adottato, entro il 31 dicembre 2007, misure di copertura idonee e congrue a conseguire l'equilibrio economico nel settore sanitario per il medesimo anno, fermo restando quanto previsto dall'articolo 4 del decreto legge l° ottobre 2007, n. 159, convertito, con modificazioni dalla legge 29 novembre 2007, n. 222;
b)      all'art. 8-quinquies, comma 2, del decreto legislativo 30 dicembre 1992, n. 502, e successive modificazioni, dopo la lettera e) è aggiunta la seguente:
«e-bis) la modalità con cui viene comunque garantito iI rispetto del limite di remunerazione delle strutture correlato ai volumi di prestazioni, concordato ai sensi della letterad), prevedendo che in caso di incremento a seguito di modificazioni, comunque intervenute nel corso dell'anno, dei valori unitari dei tariffari regionali per la remunerazione delle prestazioni di assistenza ospedaliera, delle prestazioni di assistenza specialistica ambulatoriale, nonché delle altre prestazioni comunque remunerate a tariffa, il volume massimo di prestazioni remunerate, di cui alla lettera b), si intende rideterminato nella misura necessaria al mantenimento dei limiti indicati alla lettera d), fatta salva la possibile stipula di accordi integrativi, nel rispetto dell'equilibrio economico finanziario programmato».
 
 
Il Governo darà parere favorevole agli emendamenti al decreto Milleproroghe con cui si corregge anche la Finanziaria sulla compartecipazione del Friuli Venezia Giulia all'Irpef sulle pensioni.
Il sottosegretario agli Interni, Ettore Rosato, ha spiegato che sono in corso “gli ultimi accertamenti tecnici sulla copertura finanziaria. Concordiamo sul fatto che e' una norma giusta e che servira' a fermare un contenzioso che si stava per aprire - ha concluso - con la Regione Friuli Venezia Giulia''.
Gli emendamenti - simili nel contenuto ma riguardanti due capitoli distinti del Milleproroghe - riguardano il comma 5 dell'articolo 2 della manovra nazionale, eliminandone l'ultima frase, che sottoponeva a nuovi vincoli l'attribuzione di ulteriori fondi derivanti dalla compartecipazione all'Irpef da pensioni.
 
(red/17.01.08)
Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top