Header
Header
Header
         

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

n. 1106 - venerdì 14 marzo 2008

Sommario
- Istat: dati su export 2007
- Cordoglio per Chiara Lubich
- Turismo all'aria aperta: Veneto e Toscana regioni leader
- Comparto sanità: in Toscana aumenti in busta paga a Marzo
- Corte dei conti: le Relazioni in Trentino -Alto Adige e Veneto
- Uffici stampa P.A. : chiarimento sui requisiti

+T -T
Corte dei conti: le Relazioni in Trentino -Alto Adige e Veneto

(regioni.it) Dopo Friuli -Venezia Giulia, Piemonte, Emilia-Romagna (cfr. "regioni.it" n. 1103), Abruzzo, Marche (cfr. "regioni.it" n. 1104), Puglia e Sicilia (cfr. "regioni.it n.1105), il percorso fra le Relazioni dei Presidenti delle sezioni locali e dei Procuratori Regionali prosegue con il Trentino - Alto Adige e il Veneto.
Il Presidente della Sezione giurisdizionale per il Trentino Alto-Adige, sede di Trento, della Corte dei conti Ignazio de Marco, nella Relazione inaugurale dell'anno giudiziario 2008, si è, fra l’altro, soffermato sulle pronunce più interessanti emesse dalla Sezione: “in tema di responsabilità amministrativa e contabile – si legge sulla newsletter della Corte dei conti - si segnalano episodi di mala gestio, tangenti, danno all'immagine, incarichi e consulenze; in materia pensionistica, la duplice corresponsione di indennità integrativa speciale in caso di cumulo, gli aspetti previdenziali e di quiescenza del rapporto di lavoro a tempo parziale e la decorrenza del trattamento pensionistico. Nel proprio intervento, il Procuratore regionale Salvatore Pilato, ha illustrato i dati relativi all'attività inquirente con il consolidamento dei "fattori relazionali", in specie con la Guardia di Finanza, al fine degli accertamenti investigativi (per approfondimenti cfr. Relazione del Presidente Ignazio de Marco e del PR Salvatore Pilato).
Il 15 febbraio si è aperto l'anno giudiziario 2008 anche a Bolzano, e il Presidente della Sezione giurisdizionale per la regione Trentino Alto Adige-Bolzano della corte dei conti, Pietro De Franciscis, ha ricordato la più recente evoluzione della giurisdizione contabile, scandita – si legge sulla newsletter della Corte - da una serie di pronunce della Corte di cassazione che hanno ricondotto in ambito pubblicistico numerose fattispecie di gestione del pubblico danaro precedentemente sottratte alla competenza della Corte dei conti. Nel settore dei giudizi di responsabilità si è registrato un sensibile incremento dell'ammontare dei danni accertati ed il parallelo aumento, delle somme poste a carico degli incolpati nell'ambito dei procedimenti monitori, cioè definiti con rito abbreviato. Nel proprio intervento il Procuratore regionale, Amedeo Federici, dopo aver sottolineato il ruolo di cittadini e organi di informazione nella segnalazione delle vicende cagionative di danno erariale, ha elencato l'attività svolta dalla Procura nel perseguire, fra l'altro, illecite percezioni o utilizzazioni dei finanziamenti provenienti dall'Unione europea, reati di peculato e concussione, utilizzazioni di beni immobili pubblici con pagamento di canoni irrisori e conferimento di incarichi dirigenziali a persone prive del prescritto titolo di studio (per approfondimenti cfr. Relazione del Presidente Pietro De Franciscis e del PR Amedeo Federici).
Il Presidente facente funzioni della Sezione del Veneto della Corte dei conti , Giuseppa Maneggio, nella sua relazione sull'attività svolta nel corso del 2007, ha invece sottolineato che le fattispecie di responsabilità amministrativo-contabile decise dalla Sezione hanno riguardato enti locali, assenze ingiustificate dal servizio, illegittimi inquadramenti, corresponsione di compensi aggiuntivi e conferimento di incarichi esterni, nonché numerosi ricorsi proposti dai concessionari della riscossione per ottenere il rimborso di quote di imposta inesigibili. A seguire – si legge sempre sulla newsletter della Corte dei conti - il Procuratore regionale, Carmine Scarano, ha indicato i dati quantitativi dell'attività requirente, illustrando le fattispecie di danno che hanno impegnato maggiormente la Procura. Si va dal danno in campo socio-sanitario, dalla mancata realizzazione di opere pubbliche con costi rilevanti ed inutili per la collettività, dal distorto e illecito utilizzo di alcuni compensi retributivi, dall'indebita appropriazione di incassi, alla stipula di un contratto di assicurazione, a vantaggio di funzionari e con oneri a carico dell'ente, comprendente anche la copertura del rischio per la responsabilità contabile (cfr. Relazione del Presidente f.f. Giuseppa Maneggio e del PR Carmine Scarano).

(red/14.03.08)

Regioni.it
periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale

Il periodico telematico a carattere informativo plurisettimanale “Regioni.it” è curato dall’Ufficio Stampa del CINSEDO nell’ambito delle attività di comunicazione e informazione della Segreteria della Conferenza delle Regioni e delle Province autonome

Proprietario ed Editore: Cinsedo - Centro Interregionale Studi e Documentazione
Direttore editoriale: Marcello Mochi Onori
Direttore responsabile: Stefano Mirabelli
Capo redattore: Giuseppe Schifini
Redazione: tel. 064888291 - fax 064881762 - email redazione@regioni.it
via Parigi, 11 - 00185 - Roma
Progetto grafico: Stefano Mirabelli, Giuseppe Schifini
Registrazione r.s. Tribunale Roma n. 106, 17/03/03

Conferenza Stato-Regioni
Conferenza Stato-Regioni

Conferenza delle Regioni e Province autonome
Conferenza delle Regioni

Conferenza Unificata (Stato-Regioni-Enti locali)
Conferenza Unificata



Go To Top